Cronaca

"Dammi i soldi o ti sgozzo": operaio rapina le prostitute per arrotondare lo stipendio

L'uomo, un 48enne di Castegnato, agiva sempre con lo stesso modus operandi: minacciava le donne con un taglierino per farsi consegnare l'incasso della serata, poi le buttava giù dall'auto in corsa. È stato arrestato lo scorso giovedì

immagine d'archivio

Andava a prostitute tutte le settimane: non per consumare un rapporto sessuale, ma per arrotondare lo stipendio. È finito in manette lo scorso giovedì l'operaio 48enne, residente a Casteganto, che negli ultimi mesi ha messo a segno una serie di rapine ai danni delle prostitute. 

A beccarlo in flagranza di reato, intorno alle 3.15 di giovedì notte, gli agenti della Polizia stradale di Chiari. L'uomo aveva appena gettato fuori dall'auto in corsa una 25enne Nigeriana che aveva adescato poco prima, nella zona industriale di Gussago.

Agiva sempre nello stesso modo: si affiancava alle 'lucciole' a bordo della sua auto e contrattava il prezzo per la prestazione. Ma quando le donne salivano a bordo della vettura, lui gli puntava un taglierino alla gola per farsi consegnare tutti i soldi guadagnati durante la serata, poi le scaraventava fuori dal veicolo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Dammi i soldi o ti sgozzo": operaio rapina le prostitute per arrotondare lo stipendio

BresciaToday è in caricamento