Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca Gussago

Minacciate da una colata di fango e detriti: 13 persone senza casa la vigilia di Natale

Nessun ferito e nessun danno evidente alle abitazioni: ma dopo i sopralluoghi, in via precauzionale, a Navezze di Gussago sono state evacuate 5 famiglie

Foto d'archivio

Fango e detriti dalla montagna: in via precauzionale, cinque famiglie (in totale 13 persone) sono state evacuate dalle loro abitazioni. E’ successo lunedì sera a Navezze di Gussago: le forti piogge degli ultimi giorni hanno “agitato” la montagna che sovrasta l’ex cementificio Medolo, che da più di 30 anni è stato riconvertito in ambito residenziale.

Una lingua di fango larga circa 30 metri in prima serata ha cominciato a scendere lungo l’ex cava, fino a raggiungere il muro di contenimento costruito proprio per evitare smottamenti. L’ingente quantitativo di materiale, e i sopralluoghi dei Vigili del Fuoco e dei tecnici del Comune, hanno comunque convinto il sindaco Giovanni Coccoli a firmare un’ordinanza urgente di sgombero.

Famiglie evacuate in prima serata

Le cinque famiglie sono state evacuate già in serata, non prima che fosse stata accertata la possibilità di una sistemazione alternativa. La situazione sembra stabile, ma in queste ore sono attesi ulteriori sopralluoghi, anche idrogeologici, così da verificare la sicurezza della zona e dello stabile.

In caso di risposta negativa, i 13 evacuati saranno costretti a passare il Natale fuori casa. Gli esiti sono attesi comunque in giornata. Non è la prima volta che dall’ex cava cadono fango e detriti: era già successo anche nel 2012, quando per un breve periodo una parte dell’ex cementificio era stata dichiarata inagibile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minacciate da una colata di fango e detriti: 13 persone senza casa la vigilia di Natale

BresciaToday è in caricamento