Nessuno rispetta i limiti: in paese 100 multe in 6 ore, una ogni tre minuti

Più di cento multe in meno di sei ore, a Navezze di Gussago: la Polizia Locale in campo per gli eccessi di velocità sulla Sp10

Ma chi rispetta il limite di velocità dei 50 chilometri orari nella frazione di Navezze a Gussago? Nessuno, o quasi. Perché la postazione telelaser della Polizia Locale ha fatto scattare più di cento multe in meno di mezza giornata: 102 sanzioni in sei ore, praticamente una multa ogni tre minuti e mezzo.

E' questo il risultato della giornata di controlli effettuata proprio a Navezze per verificare il grado di pericolosità di quel tratto stradale, una Strada Provinciale ma che comunque attraversa un centro abitato. Come scrive il Giornale di Brescia, il confronto è impietoso: in Via Gramsci nello stesso tempo (in circa sei ore) sono state elevate soltanto 4 multe. Venticinque volte di meno.

Incidenti e lamentele: situazione difficile

La situazione è critica: lungo la Sp10 si contano innumerevoli incidenti, anche gravi, e lamentele dei residenti. Sembra che i più anziani non escano più nemmeno di casa, per la paura di essere tirati sotto dalle auto in corsa. In pochi rispettano i limiti, come dimostra la recentissima pioggia di multe.

Ma chissà che dopo così tante sanzioni, in così poche ore, non entri in scena l'effetto deterrente. Chissà. Intanto l'amministrazione comunale ha già istituito il senso unico, in alcune vie del centro, e già si lavora alla realizzazione di una nuova bretella, che possa deviare il traffico più pericoloso da un'altra parte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investita nel parcheggio del centro commerciale: donna muore sul colpo

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di mamma Mara, uccisa a bastonate: aveva una bimba di 5 anni

  • Mara è stata uccisa di notte tra i campi, come il padre nel '93

  • Notte di paura: si trova un orso davanti e lo travolge con l'auto

  • Cane rinchiuso per mesi al buio: era costretto a vivere tra feci e urine

Torna su
BresciaToday è in caricamento