Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca Gussago

Fucilate dal giardino di casa: così il bracconiere sparava alle specie protette

Era già noto alle forze dell'ordine

Era già stato denunciato dai Forestali e più o meno dagli stessi motivi: anche stavolta è stato beccato in flagranza di reato mentre si dilettava nella sua (vietata) attività di bracconiere, sparando fucilate in grande stile direttamente dal giardino di casa. I militari della stazione di Concesio l'hanno intercettato in giardino, in un'abitazione nella zona industriale di Gussago.

Armi vietate e volatili proibiti

L'uomo, 47 anni, nascondeva in giardino un esemplare di prispolone (specie protetta) e due balie nere appena abbattute, 13 taglioline a scatto armate e con esca, due taglioline a scatto dov'erano ancora intrappolati degli esemplari di codirosso (specie protetta), un fagiano in gabbia, 4 apparati per richiamo acustico. Non solo: nella sua autorimessa anche 5 gabbiette contenenti altrettanti esemplari vivi di lucherino, specie protetta, e infine in casa, dove nel congelatore c'erano 5 esemplari di fringuello, e in firgo un esemplare di verzellino (specie protetta), 7 balie nere e 2 prispoloni.

Tutti gli esemplari di avifauna – fatta eccezione per i lucherini, che sono stati subito liberati – sono stati sequestrati, così come tutti gli oggetti reperiti, compreso il fucile utilizzato per l'abbattimento illegale. Il 47enne è stato denunciato in stato di libertà per furto aggravato, caccia al di fuori del periodo consentito, detenzione di avifauna protetta, detenzione incompatibile dell'esemplare di fagiano. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fucilate dal giardino di casa: così il bracconiere sparava alle specie protette

BresciaToday è in caricamento