rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Cronaca Chiari

Crolla a terra e viene inghiottito dal fiume: così è morto Guglielmo

Aveva 56 anni Guglielmo Bonassi: lo piangono la moglie Rosa Angela e le due giovani figlie. La tragedia sotto gli occhi del fratello Pietro

Lo hanno recuperato a pochi metri dalla riva, e a pochi metri di profondità, quando ormai era già buio, alle 22.30 circa: sotto lo sguardo attonito del fratello Pietro, che non solo ha assistito in lacrime alla lunga sessione di ricerche (durate quasi quattro ore) ma ha pure visto con i suoi occhi Guglielmo Bonassi che cadeva in acqua all'indietro, inghiottito dal fiume che se l'è portato via con sé.

Probabilmente un malore ha causato l'improvvisa perdita di conoscenza dell'operaio di 56 anni morto martedì pomeriggio a Pumenengo, sulla sponda bergamasca del fiume Oglio. Grande appassionato di pesca, aveva raggiunto il fratello Pietro sulla riva del fiume per una delle tante uscite che da una vita intera facevano insieme.

Si sarebbe sentito male mentre aveva i piedi nell'acqua, e stava sbrogliando alcune lenze che si erano ingarbugliate. Ha cominciato a barcollare, poi è caduto all'indietro: la corrente se l'è portato via in un attimo. Pietro Bonassi ha cominciato a gridare, in cerca di aiuto. Sono stati alcuni residenti in zona ad allertare i soccorsi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crolla a terra e viene inghiottito dal fiume: così è morto Guglielmo

BresciaToday è in caricamento