Lunedì, 2 Agosto 2021
Cronaca

Green Hill, nuove incertezze sul destino dei beagle

I vertici dell'allevamento, condannati in primo grado per animalicidio e maltrattamenti, hanno fatto ricorso in appello.

A tre anni dallo scoppio della vicenda, che ha avuto risonanza nazionale, non è ancora stata scritta la parola fine. 

L’affido alle famiglie dei 2.639 beagle salvati dai maltrattamenti e dalla sperimentazione praticate nell’allevamento, situato sulla collina di San Zeno a Montichiari, potrebbe essere rimesso in discussione. 

I difensori dei vertici dell’allevamento, già condannati in primo grado per maltrattamenti e animalicidio, hanno infatti presentato ricorso, chiedendo anche la revoca della confisca dei cani.

Finché non verrà effettuato il processo di secondo grado, la data non è ancora stata stabilita, il destino dei beagle rimarrà, quindi in bilico.

La possibilità che i cani ritornino nella struttura appare, tuttavia, remota, oltre che difficilmente attuabile. Ma non del tutto impossibile. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Green Hill, nuove incertezze sul destino dei beagle

BresciaToday è in caricamento