menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'ex ministro Brambilla: «Sì all'emendamento che chiuderà Green Hill»

Il testo è stato approvato in Commissione Politiche Comunitarie, settimana prossima sarà in esame nell'aula di Montecitorio. Oltre alla vivisezione, in un comma è prevista specificatamente la chiusura di Green Hill

Con l'approvazione "del nostro emendamento in Commissione Politiche Comunitarie questa mattina, la chiusura di Green Hill è davvero vicina": lo afferma in una nota Michela Vittoria Brambilla spiegando che l'emendamento prevede il divieto di allevare cani, gatti e primati su tutto il territorio azionale destinati alla vivisezione.

Il testo, che nasce dall'ex ministro del Turismo e dai membri del comitato 'Animal Friendly' da lei fondato - Bonaiuti, Catanoso, Ceccacci, Frassinetti, Giammanco, Mancuso, Mannucci, Repetti, Scandroglio - è parte del recepimento della direttiva comunitaria 2010 e arriverà all'esame dell'aula di Montecitorio già la prossima settimana.

"Purtroppo - continua Brambilla - la legge comunitaria non portava all'ordine del giorno l'abolizione della vivisezione, che è il grande obbiettivo che deve essere raggiunto ad ogni costo, nell'interesse degli animali ma anche della nostra salute. Abbiamo quindi potuto intervenire esclusivamente emendando in termini migliorativi i diversi punti previsti da quella che considero una direttiva sciagurata e che ancora non posso credere che abbia ottenuto il voto di così tanti europarlamentari".


Cuore dell'emendamento riguarda la chiusura di Green Hill. "Si tratta di un comma che ho scritto e voluto con molta determinazione - spiega l'ex ministro del turismo - in attesa che volga al termine l'inchiesta aperta presso il tribunale di Brescia, aperta in seguito all'esposto che come ministro ho presentato alla procura della repubblica e ai Nas lo scorso mese di ottobre per denunciare le condizioni di maltrattamento degli animali detenuti dentro la Green Hill, l' unica garanzia di risultato passa attraverso l'approvazione di una legge che vieti tale censurabile attività in Italia".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento