Cronaca

Il figlio lo trova esanime in azienda: morto noto imprenditore bresciano

Aveva 74 anni Giuseppe Olmi, ancora impegnato in prima linea nella vita della sua azienda: è morto martedì nel vecchio stabilimento di Via Industriale

Foto d'archivio

L'allarme è stato lanciato poco prima delle 13.30, il primo a trovare il corpo ormai senza vita è stato il figlio: niente da fare, purtroppo, per l'imprenditore Giuseppe Olmi, storico patron dell'omonima fabbrica di armi e componentistica trovato senza vita nel primo pomeriggio di martedì nei capannoni del suo ex stabilimento, nella zona artigianale di Polaveno.

Il primo a trovarlo, come detto, è stato uno dei figli: l'ha visto steso a terra, privo di sensi, in fondo al canale del montacarichi, da cui sarebbe precipitato solo pochi attimi prima. Inutili i tentativi di rianimarlo: sul posto la centrale operativa del 112 ha inviato – in codice rosso – l'automedica e un'ambulanza della Croce Rossa di Gardone.

I rilievi di carabinieri e Ats dopo l'incidente

I rilievi sono stati affidati ai carabinieri, con il supporto dei vigili del fuoco e dei tecnici della sicurezza sul lavoro di Ats. Olmi aveva 74 anni, ma era ancora impegnato in prima linea nella sua azienda. Martedì mattina stava sistemando alcune cose nella vecchia sede della sua fabbrica, da qualche tempo trasferita a poche centinaia di metri di distanza.

Lascia moglie e figlio, mercoledì i funerali

Intorno a mezzogiorno l'ultima telefonata ai familiari, poi il vuoto: potrebbe essere precipitato tra le 12 e le 13. E' a quell'ora che il figlio ha provato a chiamarlo, senza successo: preoccupato, è corso in azienda e l'ha trovato morto. La notizia ha fatto rapidamente il giro del paese: la famiglia è molto conosciuta, in tutta la Valtrompia e non solo. I funerali saranno celebrati giovedì pomeriggio, alle 15 nella chiesa parrocchiale di Gardone: lo piangono la moglie Lidia e il figlio Dario.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il figlio lo trova esanime in azienda: morto noto imprenditore bresciano

BresciaToday è in caricamento