Cronaca

Esce di casa la sera e non ritorna: lo trovano morto in un fosso

Si è conclusa in tragedia la scomparsa di Giuseppe Filippini, artigiano di Mazzano: ritrovato senza vita in un campo di Nuvolera

Scomparso da poche ore, lo ritrovano morto in un fosso. Forse annegato, dopo essere scivolato e aver battuto la testa: questo il triste destino di Giuseppe Filippini, noto artigiano di Mazzano di 78 anni ritrovato senza vita in un canale di Nuvolera, martedì pomeriggio.

Si era allontanato di casa lunedì sera, intorno alla 23: uscito a bordo della sua Mercedes senza dire a nessuno dove sarebbe andato. Il badante ha lanciato l'allarme la mattina successiva, non vedendolo rientrare.

Morto nel fosso, di fianco alla sua auto

Le ricerche, coordinate dai carabinieri, si sono concentrate nei dintorni. Finché nel pomeriggio non è arrivata la segnalazione decisiva. I militari hanno ritrovato l'auto di Filippini, in un campo e con la ruota incastrata in un fossato. 

L'uomo è stato poi recuperato senza vita poco più in là: steso a terra, nel fosso, ricoperto di acqua e fango. Probabilmente morto nella notte, dopo aver passato all'aperto un terribile temporale. La salma è a disposizione dell'autorità giudiziaria: non si esclude l'autopsia. Filippini da qualche tempo soffriva di problemi di salute.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esce di casa la sera e non ritorna: lo trovano morto in un fosso

BresciaToday è in caricamento