menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Trova la moglie senza vita sul pavimento, muore colpito da un infarto

"Giuseppe e Silvia erano inseparabili, se ne sono andati insieme"

Lago di Garda. Hanno passato un vita insieme, ed insieme se ne sono andati. Giuseppe Caproni, di 86 anni, e Silvia Antonia Bratti, che ne avrebbe compiuti cento il prossimo 2 giugno, sono stati trovati senza vita nella loro abitazione di via Degasperi, ad Arco. Nessun segno di effrazione, anche se la porta era aperta come erano soliti fare. La casa era in ordine, non mancava nessun oggetto di valore. Questo è quanto hanno potuto accertare gli agenti della Polizia locale dell'Alto Garda.

A lanciare l'allarme, raccontano i colleghi di Trentotoday, è stato proprio un ispettore della Locale, vicino di casa della coppia. Nella mattinata di mercoledì 13 gennaio, ha notato che la luce era rimasta accesa dalla sera precedente. Insospettito ha deciso di verificare di persona se vi fosse qualche problema. Trovando la porta aperta, è entrato ed ha trovato l'anziana signora senza vita, a terra vicino alla camera da letto, mentre il corpo del marito giaceva sul pavimento del bagno.

"Erano inseparabili, se ne sono andati insieme"

Originaria di Transacqua in Primiero lei, arcense doc lui. Giuseppe e Silvia erano conosciuti in paese e tanti li ricordano come inseparabili. Lei, una distinta signora d'altri tempi; lui con un codino di capelli bianchi che lo rendeva particolarmente giovanile all'aspetto. Non avevano figli, le tre nipoti vivono fuori provincia. Se ne sono andati insieme, così come hanno vissuto.

Le evidenze medico-legali sembrano indicare che la morte della donna sia avvenuta per prima. In seguito il marito avrebbe visto la moglie a terra senza vita, e non avrebbe retto il colpo. Escluso il coinvolgimento di terzi da parte degli inquirenti, il medico legale ha accertato, pur senza autopsia, le cause naturali per entrambi i decessi: arresto del sistema cardio-circolatorio. E' probabile che tra i due decessi sia intercorso un tempo molto breve, forse addirittura una manciata di minuti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Coronavirus: a Brescia 186 casi e 17 morti, i nuovi contagi Comune per Comune

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento