Cronaca

Muore precipitando in una ferrata a 3000 metri

Giulio Mora stava camminando su un sentiero in ferrata a circa tremila metri di quota, vicino alla Capanna Lago Oscuro, quando è precipitato nel vuoto. Era in vacanza a Ponte di Legno con la moglie e il figlio di 12 anni

L'escursionista si chiamava Giulio Mora, 51 anni, appassionato di montagna, residente a Gavardo (Brescia), impiegato in un'azienda edile. Era in vacanza a Ponte di Legno con la moglie e il figlio di 12 anni. Mora stava camminando su un sentiero in ferrata a circa tremila metri di quota, vicino alla Capanna Lago Oscuro, quando è precipitato nel vuoto. Quando sul posto sono arrivati i soccorritori per lui non c'era più nulla da fare. Per recuperare il corpo sono intervenuti l'eliambulanza di Sondrio, i tecnici del Soccorso alpino di Valcamonica e i carabinieri della stazione locale.

(ANSA)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Muore precipitando in una ferrata a 3000 metri

BresciaToday è in caricamento