rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021

"I volti delle vittime sono ancora molto nitidi": Brescia ricorda i morti per Covid

Celebrazioni al cimitero Vantiniano, all'ospedale Civile e in piazza Loggia per la "Giornata nazionale vittime del Covid"

Oggi si è celebrata a Brescia e in tutta Italia la "Giornata nazionale vittime del Covid". La ricorrenza è stata fissata al 18 marzo per ricordare quando, un anno fa in questa data, i mezzi dell'esercito furono impiegati a Bergamo per il trasporto delle salme dei morti di coronavirus.

Al cimitero Vantiniano, stammatina si è tenuta una cerimonia alla presenza del sindaco Emilio Del Bono, della vicesindaco Laura Castelletti e del vescovo Pierantonio Tremolada, che ha impartito la benedizione ai defunti. Sono state inoltre eseguite le toccanti note del Silenzio fuori ordinanza': "Brescia ha pianto e piange ancora. I volti delle vittime sono molto nitidi nella nostra memoria e, nei nostri ospedali, ci sono centinaia di persone che ancora soffrono; la battaglia non è finita", ha dichiarato Del Bono che, in concomitanza con l'arrivo a Bergamo del premier Mario Draghi, ha osservato un minuto di silenzio davanti a palazzo Loggia, dove è stata esposta la bandiera a mezz’asta. 

A Bergamo, insieme a Draghi era presente anche il presidente della Lombardia, Attilio Fontana: "Quella di oggi è una giornata molto importante - ha dichiarato -. Commemoriamo le vittime di questo terribile virus alle quali rivolgiamo il nostro ricordo. A loro va sempre il pensiero di tutti i lombardi. A loro, ma anche a tutti i familiari che, purtroppo, hanno subìto questi lutti".

"È importante che il Presidente del Consiglio abbia deciso di essere in Lombardia, epicentro di questa terribile pandemia. Bergamo e l'intera regione sono i territori che più hanno sofferto, che più sono stati martoriati dal Coronavirus. La Lombardia e Bergamo - ha concluso Fontana - stanno dimostrando, e hanno dimostrato, una grande capacità di resistenza, di difesa, di grande coesione".

Nei giardini dell'ospedale Civile di Brescia è stata infine inaugurata la scultura dell'artista Indaco, intitolata "Eterno Marmoreo Amore", per celebrare il grande lavoro dei tanti eroi che hanno affrontato in prima linea il dramma della pandemia.

Si parla di

Video popolari

"I volti delle vittime sono ancora molto nitidi": Brescia ricorda i morti per Covid

BresciaToday è in caricamento