Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca

Oggi è la Giornata Mondiale del Rifugiato: «Mai più respinti!»

Proiezioni in tutto il Paese nell'ambito della nuova campagna promossa da ZaLab MAI PIU' RESPINTI. Il 20 giugno, in tutto il mondo, la Giornata Mondiale del Rifugiato, con un solo e grande messaggio di solidarietà

Mercoledì 20 giugno si celebra la Giornata Mondiale del Rifugiato, incontri e rassegne in tutto il mondo, con un solo grande messaggio di solidarietà e due testimonial d’eccezione, Angelina Jolie a livello planetario, Fiorella Mannoia in Italia: “Nessuno sceglie di diventare un rifugiato”. L’appuntamento ‘centrale’ italiano sarà in quel di Roma, dalle 11 in poi presso la Casa del Cinema in Largo Mastroianni, con una serie di proiezioni tematiche tra cui Terraferma di Emanuele Crialese, Il Volo di Wim Wenders, Mare Chiuso di Segre e Liberti, Il Villaggio di Cartone di Ermanno Olmi. Prima del pomeriggio cinematografico gli interventi di Lauren Jolles, Andrea Riccardi, Carlo Romeo, Oliviero Forti, e i registi Olmi, Crialese e Segre, con la citata Mannoia.

Proprio Mare Chiuso, il film di Andrea Segre e Stefano Liberti distribuito dalla ZaLab, sarà poi proiettato lungo tutta la penisola, in più di 70 sale d’Italia. Proprio ZaLab, in collaborazione con Open Society Foundation e Amnesty International, chiedono che il 20 giugno diventi quest’anno il giorno in cui l’Italia si impegna ufficialmente a non fare mai più respingimenti. “Come il nostro film racconta – si legge in una nota – tra il 2009 e il 2010, in seguito al trattato di amicizia Italia-Libia del 2008 e in applicazione degli accordi tecnici del 2007, centinaia di migranti in fuga dalle coste del Nord Africa sono stati respinti senza essere identificati né avere accesso alla procedura d’asilo. Sono stati rimandati in Libia, dove sono stati imprigionati, torturati e deportati dalla polizia di Gheddafi”.


MAI PIU’ RESPINTI, una vera e propria campagna e non solo nazionale, in cui il film di denuncia Mare Chiuso verrà proiettato nelle piazze e nei cinema, nelle scuole e nelle università, nei teatri e in televisione. “Il contributo di tutti a sostenere l’iniziativa – ancora ZaLab – è vitale, perché l’Italia recuperi la dignità di Paese accogliente e rispettoso dei Diritti Umani e perché l’impegno a non ripetere l’orrore dei respingimenti sia il primo passo per costruire nuove politiche sull’immigrazione e l’asilo”. Non dobbiamo infatti dimenticarci che il 23 febbraio 2012 l’Italia “è stata condannata per avere eseguito queste operazioni”, mentre ad oggi “il Governo italiano non si è ancora impegnato ufficialmente nel non eseguire mai più respingimenti” e, forse peggio ancora, “buona parte dell’opinione pubblica è ancora convinta della necessità o addirittura del successo di quelle pratiche”.

Per organizzare proiezioni, se ancora c’è tempo, scrivete a distribuzione@zalab.org con oggetto MAI PIU’ RESPINTI. Per aderire alla campagna, e per avere altre informazioni, scrivete a comunicazione@zalab.org.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oggi è la Giornata Mondiale del Rifugiato: «Mai più respinti!»

BresciaToday è in caricamento