Condannato il patron di Telemarket: Giorgio Corbelli trasferito in carcere

La notizia è di poche ore fa: l'imprenditore Giorgio Corbelli è stato trasferito in carcere, condannato in via definitiva per il fallimento di Finarte

Della fine di Telemarket si era già scritto, ormai qualche anno fa: da allora ne sono successe di cose. La notizia di queste ore, invece, è che il suo storico patron, l'imprenditore Giorgio Corbelli, è stato trasferito in carcere. La Cassazione di Milano ha infatti emesso sentenza definitiva sul fallimento di Finarte, la società di cui Corbelli fino al 2011 era presidente del Consiglio d'amministrazione.

Corbelli era già ai domiciliari, per un'altra condanna per reati fiscali: è lui l'uomo che ha lanciato (e fatto grande) il marchio Telemarket, la nota emittente televisiva che vendeva quadri e opere d'arte, e che tra gli ospiti fissi, o quasi, ha potuto contare a lungo anche su Vittorio Sgarbi, e su una miriade di venditori televisivi che sono diventati cult (Vanna Marchi, Francesco Boni, Alessandro Orlando).

L'ascesa di Corbelli e di Telemarket

La tivù (che prima era Elefante) mosse i primi passi nei primi anni '80: è dal 1987 che diventa una televisione nazionale, che coprirà praticamente i due terzi del territorio italiano negli anni '90. Da Roncadelle a Milano, Roma e Napoli, gli showroom si aprono e si moltiplicano. Corbelli si interessa anche allo sport, prima il Basket Brescia e poi Milano, infine il Napoli del calcio, di cui dal 2000 sarà azionista di maggioranza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il crac di Finarte risale al 2012: la società era quotata anche in Borsa, e considerata una delle maggiori maison italiane di settore. Sul quel fallimento si è indagato per anni, fino al processo. Adesso la sentenza è definitiva: Corbelli, 64 anni, è stato condannato a quattro anni. Da scontare in carcere: abitava in Maddalena, è stato già trasferito a Canton Mombello. I suoi legali hanno già chiesto i domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm, barista bresciana si ribella: “Io non chiudo alle 18, arrestatemi”

  • Coronavirus, Crisanti: "Vi spiego perché il Natale può essere un'opportunità"

  • Uccisa dalla malattia in poco più di una settimana, Denise muore a soli 21 anni

  • Covid: a Brescia oltre 300 nuovi casi e una vittima, i nuovi contagi Comune per Comune

  • Svuota le casse dell’azienda, compra borse e auto di lusso: nei guai impiegata

  • Coronavirus, 177 contagi in 24 ore: i nuovi casi Comune per Comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento