Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca

Ginecologa uccisa, Calderoli: "Riflettere sulla pena di morte"

"Le bestie feroci, le belve, vanno rinchiuse subito in gabbia"

"Chi ha commesso un delitto del genere non è un uomo ma una bestia, e come tale va trattato". Lo afferma il vicepresidente del Senato, Roberto Calderoli, commentando i fatti di Chiuduno, dove ha perso la vita la ginecologa del Sant'Anna Eleonora Cantamessa.

Secondo l'esponente del Carroccio, "le bestie feroci, le belve, vanno rinchiuse subito in gabbia e bisogna buttare via per sempre la chiave".

"A fronte di episodi del genere, che vedono l'assassinio premeditato anche di un soccorritore, c'è da riflettere sul fatto che sia stata opportuna o meno l'abolizione della pena di morte", conclude Calderoli.

SULLO STESSO ARGOMENTO:
- Eleonora, un medico amato da tutti
- La mamma della ginecologa: "Sempre altruista, non poteva non fermarsi"
- Rissa degenerata a Chiuduno: morta ginecologa del Sant'Anna
- Eleonora Cantamessa lascia i genitori e il fratello Luigi

- Morta la ginecologa Eleonora Cantamessa, il ricordo dal Sant'Anna
- Rissa a Chiuduno: la Lega Nord contro gli immigrati

- Rissa a Chiuduno: otto i feriti

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ginecologa uccisa, Calderoli: "Riflettere sulla pena di morte"

BresciaToday è in caricamento