Domenica, 20 Giugno 2021
Cronaca

Precipita nel vuoto per oltre 10 metri, imprenditore muore in ospedale

Non ce l'ha fatta Gianluigi Ramponi, imprenditore in pensione di 73 anni di Cologne: si è spento in ospedale a Bergamo dopo tre giorni di agonia

L'ospedale Giovanni XXIII di Bergamo, dov'è spirato Gianluigi Ramponi

Si è spento in ospedale dopo tre giorni d'agonia l'imprenditore bresciano Gianluigi Ramponi, 73 anni di Cologne, vittima di una bruttissima caduta mentre insieme a un amico muratore stava controllando il tetto di un capannone di proprietà a Mornico al Serio, in provincia di Bergamo. Ramponi ha perso l'equilibrio dopo che ha ceduto il lucernario su cui aveva poggiato il piede.

E' stato sbalzato all'indietro ed è precipitato nel vuoto per oltre 10 metri, cadendo rovinosamente sull'asfalto. Un impatto violentissimo, e che purtroppo non gli ha lasciato scampo: ricoverato al Giovanni XXIII di Bergamo in condizioni disperate, ha lottato per la vita per circa tre giorni. Ma il suo cuore ha smesso di battere nella notte tra lunedì e martedì.

In pensione da tempo, Ramponi non aveva mai perso la passione per il lavoro. Anche sabato era in prima linea per controllare la tenuta del suo capannone, al momento utilizzato solo come deposito e magazzino e in procinto di essere venduto. L'imprenditore era sul posto per verificare le condizioni del tetto e in particolare del lucernario, quello che poi ha improvvisamente ceduto e che gli procurerà le ferite fatali.

Imprenditore amato e conosciuto

E' stato l'operaio che era con lui ad allertare il 112, chiedendo aiuto anche al titolare del capannone confinante. Ramponi abitava a Cologne da una vita: avrebbe compiuto 74 anni tra poco più di una settimana. Ingegnere in pensione, ha gestito aziende tessili e agenzie immobiliari, prima di investire nel campo nell'edilizia. Negli ultimi anni era diventato proprietario di un'azienda agricola in Sicilia. In paese in tanti lo ricordano per il suo impegno nello sport: per anni è stato presidente della squadra locale di pallamano.

Lo piangono la moglie Luisella, i figli Giorgio, Steve e Walter, i nipoti e i parenti tutti. I funerali saranno celebrati giovedì pomeriggio, alle 14.30 nella chiesa parrocchiale del paese partendo dalla Casa del commiato. Una vita che si spezza, una speranza che comincia: i familiari hanno autorizzato l'espianto degli organi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Precipita nel vuoto per oltre 10 metri, imprenditore muore in ospedale

BresciaToday è in caricamento