Cronaca

Morto dopo il vaccino AstraZeneca: ora si indaga per omicidio colposo

La Procura di Brescia ha aperto un fascicolo per omicidio colposo per la morte di Gianluca Masserdotti

Foto da Facebook

Omicidio colposo: è questa l'ipotesi di reato su cui sta indagando la Procura di Brescia per la morte di Gianluca Masserdotti, 54 anni di Flero, deceduto giovedì scorso a 12 giorni dalla somministrazione della prima dose di vaccino AstraZeneca. Le indagini cercheranno di far luce sulle eventuali correlazioni tra l'inoculazione e il decesso dell'uomo, padre di due giovani figli. Lunedì mattina, intanto, sono stati celebrati i funerali. Oltre ai figli lascia la compagna Cinzia e la sorella Sonia.

Masserdotti si è sentito male in casa, domenica scorsa: è stato ricoverato d'urgenza in Poliambulanza dove gli è stata subito riscontrata una trombosi in corso. E' stato subito operato, ma passate 48 ore la situazione si è nuovamente aggravata: è stato di nuovo operato, ma non c'è stato niente da fare. Quando è stato trasferito al Civile gli era già stata diagnosticata la morte celebrale.

Le indagini della magistratura

La magistratura ha già sequestrato cartelle cliniche e quant'altro, e presto ascolterà sia i medici che l'hanno avuto in cura in ospedale che quelli al lavoro al centro vaccinale. E' già stata eseguita anche l'ispezione cadaverica. Il 54enne aveva ricevuto la prima dose il 29 maggio scorso: è morto giovedì 10 giugno per un'ischemia e un'emiparesi sinistra. Gianluca ha donato gli organi: ma solo fegato e reni, in quanto gli altri (cuore compreso) erano già compromessi dai trombi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto dopo il vaccino AstraZeneca: ora si indaga per omicidio colposo

BresciaToday è in caricamento