Mercoledì, 17 Luglio 2024
Cronaca Bedizzole

L'incidente sotto gli occhi del figlio, poi la morte in ospedale

Annullata la Festa delle associazioni

La situazione era molto grave, ma la speranza non era venuta meno. Nella giornata di ieri invece, la notizia che nessuno avrebbe voluto leggere. La morte di Gianfranco Amicabile, "Gian" per i tanti che lo conoscevano, ha provocato un sincero cordoglio nella sua comunità, a Bedizzole. L'eco della sua scomparsa però è arrivato in tutta Italia, da dove stanno arrivando messaggi di cordoglio, da parte di tantissime fanfare di bersaglieri, da amici e compagni di avventure. 

Gian, deceduto ieri presso l'ospedale di Borgo Trento di Verona, nel reparto dei grandi ustionati dove era stato portato dopo l'infortunio avvenuto giovedì alle 17:30 a Ponte San Marco, sul tetto della Carpenteria Scaroni, lascia la moglie e un figlio di 27 anni, con lui al momento dell’incidente. 

Consigliere comunale di minoranza a Bedizzole, eletto con la lista "Uniti per Bedizzole", e sostenitore della Lega, è sempre stato molto vicino a diverse associazioni sportive, culturali e musicali, ma in primo luogo era bersagliere. Presidente della locale sezione, era anche musicista nella fanfara «A. Caretto» di Bedizzole, con la quale si è esibito in tutto il mondo. 

L'amministrazione comunale di Bedizzole ha voluto esprimere il proprio cordoglio alla famiglia di Gianfranco: «Con poche sentite parole l'intera Amministrazione Comunale, insieme ai dipendenti, si unisce al ricordo di una persona ben voluta e stimata da tutti. Alla famiglia vanno le nostre profonde condoglianze e l'abbraccio di tutta Bedizzole. La Festa delle associazioni - prosegue la nota del Comune - in programma questo fine settimana è annullata, ma il pensiero di ogni volontario è rivolto a Gianfranco, che con i suoi Bersaglieri sarebbe stato in prima fila».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'incidente sotto gli occhi del figlio, poi la morte in ospedale
BresciaToday è in caricamento