Addio a Gian Paolo Pozzi, "lo zio" della Dolceria Franciacorta

Gian Paolo Pozzi è morto nei giorni scorsi, a 68 anni. Il locale che gestiva era il punto di riferimento per tantissimi giovani.

Gian Paolo Pozzi

Per decenni ha preparato e sfornato pizze e brioches nel cuore della notte, servendo le decine di giovani e giovanissimi che di rientro dalle discoteche della Franciacorta si fermavano nel suo locale per fare colazione o smaltire la sbornia. Gian Paolo Pozzi - per tutti "lo zio" - si è spento improvvisamente nei giorni scorsi, a 68 anni.

Da dietro al bancone del suo negozio, la 'Dolceria Franciacorta', situato nella zona industriale di Erbusco - ha accolto, sempre con il sorriso e una battuta, il popolo della notte: generazioni di ragazze e ragazzi, che prima di rincasare si fermavano da lui, per gustare un cannoncino o una pizzetta appena sfornati. Il suo locale era davvero un pezzo di storia della Franciacorta, un punto di riferimento e una tappa obbligata di ogni serata di festa.

Centinaia di persone sono attese per l'ultimo saluto che si terrà venerdì pomeriggio (alle 14.30) nella chiesa parrocchiale di Adro, comune dove l'uomo viveva con la famiglia. Oltre alla moglie Lucia, lascia i figli Andrea e Chiara, l'adorata nipotina Nicola, la mamma Gabriella, il fratello Valerio e la sorella Claudia.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Con i soldi della scuola si pagava vestiti e vacanze: condannata la segretaria

  • Cronaca

    Uniti nella vita e nello spaccio: arrestati i fidanzati della droga

  • Cronaca

    Ragazzina scomparsa da 3 giorni: ricerche disperate, anche nel fiume

  • WeekEnd

    Cosa fare a Brescia dal 19 al 22 aprile: i migliori eventi del weekend di Pasqua

I più letti della settimana

  • La terra trema nel Bresciano: scossa di terremoto nella notte

  • Drammatico frontale tra auto, donna muore in un groviglio di lamiere

  • Stroncato da un male incurabile, muore in pochi mesi: lascia moglie e giovani figli

  • Il dramma di Filippo, ucciso da un tumore a soli 13 anni: “Per sempre nei nostri cuori"

  • Cercasi gestore per il chiosco del parco: bastano 250 euro al mese

  • Al volante dopo aver bevuto, l'auto abbatte la recinzione di una casa e finisce in piscina

Torna su
BresciaToday è in caricamento