Scarica il furgone appena fuori casa, si accascia a terra e muore

Era in pensione da poco tempo il 64enne Giacomo Rainelli, colto da un malore nella piazza del paese mentre scaricava il suo furgone

La tragedia si è consumata in pochi attimi, martedì mattina in Piazza Madonna della Neve a Tremosine: il 64enne Giacomo Rainelli, idraulico da poco andato in pensione, è crollato a terra mentre stava scaricando il suo furgone. Colto probabilmente da un malore, forse un infarto, e morto sul colpo.

A nulla sono serviti i disperati tentativi di rianimarlo: sul posto ambulanza e automedica, mentre la centrale operativa aveva già fatto decollare l'elicottero, nella speranza di salvargli la vita. Niente da fare, purtroppo: per Rainelli non c'è stato più niente da fare. In queste ore sarà resa nota la data dei funerali.

Molto conosciuto in paese, e non solo, abitava nella frazione di Cadignano, a poche centinaia di metri dalla piazza in cui si è consumata la tragedia. Idraulico per una vita intera, in pensione da poco tempo, nel tempo libero si dedicava alla scultura, una delle sue grandi passioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Hanno provato a rianimarlo a lungo, martedì mattina, per più di mezz'ora. Ma il suo cuore non ha più ripreso a battere. Lo piangono l'amata moglie Renata, e la giovane figlia Anastasia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Niente norme anti-Covid, cuoco e pizzaiolo senza protezioni: chiuso ristorante

  • Follia al bar: padre e figlio scatenano una rissa, devastano il locale e aggrediscono la barista

  • Si butta dalla finestra di casa, suicidio shock scuote il quartiere

  • Stroncato da una malattia a soli 54 anni, morto noto bassista bresciano

  • Sputi, insulti, sassi contro auto e ciclisti: ora il paese ha paura della baby gang

  • Si tuffa e non riemerge, salvato dalla fidanzata: la sua vita è appesa a un filo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento