Domenica, 14 Luglio 2024
Cronaca

Il cellulare perso e la Maserati sparita: tutti i misteri del viaggio dei Bozzoli

Il (vago) racconto della compagna Antonella Colossi poco convince gli inquirenti. Giacomo ancora latitante.

Sulla (presunta) vacanza della famiglia Bozzoli si concentra l’attenzione degli inquirenti. Il  frammentario racconto della compagna di Giacomo - costellato di amnesie - poco convince i militari, che per oltre 4 ore e trenta l’hanno ascoltata, in qualità di persona informata sui fatti - negli uffici del comando provinciale di Brescia. Era il pomeriggio di venerdì 5 luglio: la donna era appena rientrata dalla Spagna, insieme al figlioletto di 9 anni. 

In vacanza senza cellulari 

Sono tanti gli elementi poco chiari e le cose che non tornano. A cominciare dalle date del soggiorno a Marbella e dalla misteriosa sparizione della Maserati Levante a bordo della quale, come confermato da Antonella Colossi ai militari, la famiglia avrebbe raggiunto la Spagna, con una tappa a Cannes e poi una visita all’acquario di Valencia.

Il suv di lusso di proprietà del 39enne - condannato oltre ogni ragionevole dubbio all’ergastolo per l’uccisione dello zio Mario Bozzoli - è stato inquadrato dalle telecamere a Manerba e a Desenzano all’alba del 23 giugno: stando al racconto della donna, il giorno esatto in cui la famiglia è partita per la Spagna. A non tornare sono prima di tutto le date: il soggiorno a nome dei Bozzoli in un hotel della località balneare spagnola era stato prenotato dal 20 al 30 giugno. Colossi ha invece confermato che la famiglia si è messa in viaggio tre giorni più tardi, il 23 giugno, senza però spiegare le ragioni della partenza ritardata.

Poi la tappa a Cannes per passare la prima notte: proprio in quell’occasione la donna avrebbe perso il telefono, almeno così ha raccontato ai militari. Bozzoli, invece, non aveva proprio portato con sé il cellulare: gli investigatori lo avrebbero trovato in un comodino della villa di Soiano dove la famiglia viveva, che è stata perquisita nei giorni scorsi. 

Il mistero dell’auto sparita

Che fine ha fatto la Maserati a bordo della quale la famiglia avrebbe raggiunto la Spagna? È uno dei tanti misteri che devono risolvere gli investigatori. Colossi avrebbe detto di essere rientrata in Italia chiedendo un passaggio in auto fino alla Francia e poi di aver raggiunto la stazione di Milano Centrale in treno. Il suv oltre che a Manerba e Desenzano sarebbe stato ripreso, forse, lungo la costa spagnola, poco prima di Marbella. Poi più nessuna traccia: nemmeno le telecamere  di sicurezza dell’hotel dove la famiglia aveva prenotato una stanza a nome di Giacomo Bozzoli l'avrebbero inquadrato. Non ci sono prove certe che il 39enne alloggiasse davvero in quella struttura turistica: nessuna telecamera interna dell’hotel lo avrebbe filmato.

I vuoti di memoria 

Poi il vuoto di memoria sui giorni successivi alla sentenza della Cassazione che, il primo luglio, ha condannato in via definitiva Giacomo Bozzoli al carcere a vita. Stando a quanto raccontato dalla donna, che ha sempre fermamente creduto nell’innocenza del compagno, avrebbero appreso della decisione degli Ermellini in un internet point. La mattina del due luglio la separazione: Bozzoli ha proseguito da solo la sua latitanza. "È stato uno shock dire a nostro figlio che il padre sarebbe andato via. Il momento della separazione è stato crudele", avrebbe detto Colossi durante l’interrogatorio fiume.

La 41enne però non è immediatamente rientrata con il figlio: è rimasta lontano dall’Italia fino al pomeriggio di venerdì 5 luglio, ma agli investigatori non ha saputo spiegare perché e cosa abbia fatto in quei lunghi tre giorni. "Ho avuto uno shock e ho perso la memoria", avrebbe fatto mettere a verbale.

Non è escluso che la 41enne - attualmente ospite insieme al figlio a casa del padre a Chiari -  venga nuovamente ascoltata da chi indaga. La stessa sorte, con tutte le cautele del caso, potrebbe toccare al figlio della coppia: pure lui potrebbe dover raccontare - alla presenza di psicologi e personale qualificato - quella che a tutti gli effetti è stata l’ultima vacanza in famiglia, conclusasi con la clamorosa latitanza del padre. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il cellulare perso e la Maserati sparita: tutti i misteri del viaggio dei Bozzoli
BresciaToday è in caricamento