Cronaca Via Artigianale

Maltrattati o arrivati già morti, poi macellati: sotto sequestro l'Italcarni

A rischio 160 lavoratori per il sequestro preventivo dell’Italcarni di Ghedi: la Procura di Brescia ha aperto un fascicolo d’inchiesta per cinque indagati, tra le accuse anche maltrattamento di animali e inquinamento delle rogge

Foto di repertorio

Per il momento sono solamente delle ipotesi, ma che già hanno portato al sequestro preventivo dell’azienda e a iscrivere cinque persone nel registro degli indagati. Potrebbe trattarsi di un piccolo scandalo, ma solo le ricostruzioni della Procura di Brescia venissero alla fine confermate: l’Italcarni di Ghedi intanto è sotto sequestro.

Oltre ai sigilli è stato disposto anche il fermo di diverse partite di carne, e che saranno sottoposte ad accertamenti in tempi brevi. Mercoledì mattina intanto il blitz, ad opera degli uomini del Corpo Forestale: sono tante le accuse, ovviamente da confermare. Ma tra queste anche l’ipotesi di maltrattamento di animali, di scarico illegale nelle rogge di scarti di macellazione e sangue.

Oltre ovviamente ad accuse sull’aver manomesso documentazione, e infrazioni delle norme e delle prescrizioni in materia di commercializzazione della carne. Carne di bovino che sarebbe stata venduta anche dalle carcasse di animali arrivati già morti a destinazione. Sempre secondo la Procura, con l’ausilio di intercettazioni visive e ambientali, gli animali sarebbero stati trasportati in camion tutt’altro che a norma.

Sul tema l’affondo della Lav, la Lega antivivisezione: “E’ ora che le istituzioni e l’industria zootecnica chiariscano agli italiani come sono allevati questi animali – scrive il vicepresidente Roberto Bennati in un comunicato – Spiegando che la loro carne è sottoposta a trattamenti medici e doping, che finiscono nei piatti dei cittadini con possibile pregiudizio anche per la salute umana”.

La Lav arriva addirittura a chiedere al governatore Roberto Maroni di “commissariare i servizi veterinari dell’Asl”. In azienda tutto tace, per ora: ma cresce la preoccupazione anche tra i lavoratori. In tutto Italcarni occupa più di 160 addetti, nei vari stabilimenti. Proprio giorni fa un operaio era stato vittima di un infortunio sul lavoro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltrattati o arrivati già morti, poi macellati: sotto sequestro l'Italcarni

BresciaToday è in caricamento