Acqua e terreno a rischio contaminazione: sotto sequestro 2 cave bresciane

In azione una quarantina di uomini, a Ghedi e a Rezzato: sotto la lente del Corpo Forestale le cave Inferno e Pgs. Sono quattro gli indagati, tre bresciani e un mantovano

Foto d'archivio

Blitz della Guardia Forestale nelle cave dell'est bresciano: in tutto una quarantina di uomini per passare al setaccio la cava Inferno, a Ghedi, e la cava dismessa Pgs, a Rezzato frazione di San Carlo. I primi risultati: terreno a rischio contaminazione, e quattro persone iscritte nel registro degli indagati.

A Ghedi qualcosa era nell'aria, e da tempo. Anche il Comune aveva predisposto dei campionamenti di terreno, lunedì nuovi prelievi sono stati fatti dalla Forestale. Faranno luce sulla dinamiche di riempimento e svuotamento della cava.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Pare che la “pellicola” in simil-argilla, utilizzata in teoria come telo per proteggere la falda acquifera da qualunque tipo di inquinanti, in realtà sarebbe stata inquinata di suo (in “quota” idrocarburi) tanto da poter potenzialmente contaminare anche il terreno. E forse anche l'acqua.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: in Lombardia 293 nuovi contagi, a Brescia altre 8 croci

  • Coronavirus: assalto per la movida, Del Bono costretto a chiudere Piazzale Arnaldo

  • Terribile incidente: ciclista sbanda e muore schiacciato da un camion

  • Terribile schianto frontale, auto distrutte e 3 feriti: uno è grave al Civile

  • Brescia: tutte le attività commerciali aperte e che fanno consegna a domicilio

  • Si butta dalla finestra di casa, giovane uomo muore suicida

Torna su
BresciaToday è in caricamento