Cronaca

La vita di Francesco ancora appesa a un filo: 24 ore per conoscere il suo destino

Tutto il paese prega per lui, per Francesco Scalvini di Ghedi: colpito alla testa dai ladri, sotto gli occhi del padre e dello zio, soccorso per primo dalla moglie Cristina

Su Facebook le loro fotografie sono piene di sorrisi e di spensieratezza: purtroppo, al momento, sono solo ricordi lontani. Sarà difficile rialzarsi, difficilissimo: tutto il paese prega per lui. La moglie Cristina non lascia un secondo. “Speriamo bene”, una voce che riecheggia in corsia. Le sue condizioni sono ancora gravissime.

Francesco Scalvini è stato operato quasi subito, alla Poliambulanza di Brescia dove è ancora ricoverato. Un'operazione delicata ma necessaria, per ridurre l'ematoma alla testa: il segno indelebile di una colluttazione che per un soffio non si è conclusa in tragedia. Ma che purtroppo non è ancora finita.

Il padre Giancarlo sarebbe già stato dimesso, dall'ospedale di Montchiari: sta bene. Il figlio Francesco invece è in coma, lotta per la vita. Colpito più volte dalla banda di rapinatori che insieme avevano sorpreso in casa: colpito con un cacciavite, poi con il piede di porco già utilizzato per forzare la finestra da dove erano entrati solo poco prima.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La vita di Francesco ancora appesa a un filo: 24 ore per conoscere il suo destino

BresciaToday è in caricamento