Cronaca

Orrore tra le mura di casa: giovane donna violentata e picchiata a sangue dal compagno

Arrestato a Gavardo un operaio 46enne: durante l'ultima brutale aggressione ha spaccato il setto nasale alla fidanzata 38enne.

Un'altra terribile storia di violenza domestica nel Bresciano: i carabinieri di Salò hanno arrestato in flagranza di reato un operaio 46enne di casa a Gavardo. L'uomo, di origine rumena, è accusato di lesioni gravi. Per lui le manette sono scattate domenica al termine dell'ennesimo brutale pestaggio: i militari hanno fatto irruzione nell'abitazione della coppia dopo la disperata richiesta d'aiuto lanciata dalla fidanzata 38enne.

"Aiuto, mi sta ammazzando di botte", avrebbe detto la vittima all'operatore del 112: l'intervento dei carabinieri del Radiomobile di Salò e della stazione Gavardo è stato davvero tempestivo e provvidenziale. Aperta la porta dell'abitazione, gli uomini dell'Arma hanno notato che la 36enne aveva il volto ricoperto di sangue e totalmente tumefatto. Il compagno pare che fosse invece decisamente ubriaco.

Lei è stata portata in ospedale: tra gli altri traumi le è stata riscontrata la frattura del setto nasale e la prognosi è superiore ai 30 giorni. Per lui si sono invece parte le porte del carcere, dove resterà almeno fino al processo: la misura è infatti stata convalidata dal giudice.

Maltrattamenti e brutali pestaggi pare andassero avanti da diversi mesi, da quando ciò aveva avuto inizio la convivenza, ma la 38enne non aveva mai avuto il coraggio di denunciare il fidanzato violento. Solo dopo l'arresto dell'operaio ha raccontato l'incubo vissuto: pare che il 46enne l'avesse anche costretta a subire atti sessuali. Per questo dovrà rispondere di violenza sessuale, oltre che di di lesioni gravi, minacce e maltrattamenti in famiglia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Orrore tra le mura di casa: giovane donna violentata e picchiata a sangue dal compagno

BresciaToday è in caricamento