Lasciano la figlia di 3 mesi in auto, poi rissa in piazza con cric e coltello

Sono stati tutti arrestati per rissa e lesioni i tre protagonisti della zuffa di Piazza Zanardelli a Gavardo: folle lite con cric e coltello per un debito di soli 50 euro

Sulla sinistra, il cric usato nella rissa. A destra, un neonato nel seggiolino per l'auto (foto d'archivio)

Armati fino ai denti per un debito da 50 euro: in piazza si scatena la rissa, intervengono i carabinieri e la serata si conclude con tre arresti. Succede anche questi, ai tempi del Coronavirus: in Piazza Zanardelli a Gavardo una tranquilla serata di quarantena collettiva è stata interrotta da una violenta lite tra tre persone, due uomini e una donna, che si sono affrontati armati di un bastone, un cric e un coltello da cucina.

I protagonisti sono un giovane di 25 anni che abita in paese e un’altrettanto giovane coppia che risiede a Villanuova sul Clisi, lui di 33 e lei di 23 anni: questi ultimi hanno lasciato la loro bimba (di appena 3 mesi) in auto per prendere parte alla rissa. Sono stati tutti arrestati dai militari di Gavardo e Salò, accusati di rissa e lesioni aggravate.

Un debito di 50 euro all’origine della lite

Sono stati sottoposti al rito di convalida, in videoconferenza: l’arresto è stato convalidato e per tutti e tre è scattato l’obbligo di dimora nei Comuni di residenza. Alla base della zuffa ci sarebbe la mancata restituzione di un debito di soli 50 euro, dovuti dal 25enne di Gavardo alla coppia di Villanuova. I tre si sono dati appuntamento in piazza, ognuno di loro armato a dovere, pronti a risolvere la questione con la violenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Solo il tempestivo intervento dei militari, della stazione di Gavardo e del Radiomobile di Salò,  ha permesso di evitare il peggio, e conseguenze ben peggiore: la giovane madre aveva ancora in mano l’impugnatura del coltello da cucina, del quale aveva spezzato la lama durante la lite. Nessuno si è fatto male, per fortuna. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il figlio non risponde, è a letto privo di sensi: giovane medico in fin di vita

  • Alcol a minori, sporcizia ovunque e cibo scaduto: 12.000 euro di multa per un fast food

  • Prostituzione fuori controllo, 200 escort attive, clienti anche di giorno

  • Tragico gesto estremo: giovane uomo muore suicida a 38 anni

  • Scoppia la tv, la casa si riempie di fumo: donna muore tra le braccia della figlia

  • Positivo al coronavirus: altra classe in quarantena, tampone per tutti i compagni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento