Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca Gavardo

"Hai fatto sesso con la mia fidanzata": pistola in pugno, rapisce un operaio e lo porta nei boschi

Non si hanno ancora notizie certe del destino di Abdelouahed Haida, il rapitore, e di Mirko Giacomini, il sequestrato: le ricerche sono riprese stamattina

Un sequestro di persona pistola in pugno, il furto di un'auto, la fuga rocambolesca tra i boschi, le ricerche serrate dei carabinieri (che al momento hanno ritrovato solo la macchina). E' questa in estrema sintesi la cronaca di una giornata incredibile, forse mai vista in provincia di Brescia: il sequestro di persona, stando alle ultime e più efficaci indiscrezioni, sarebbe avvenuto per motivi passionali, per un presunto tradimento.

L'uomo in fuga, e dunque rapitore, è il marocchino 36enne Abdelouahed Haida, regolare in Italia ma con qualche precedente alle spalle: il rapito invece è l'operaio 45enne Mirko Giacomini, che abita a Gavardo. Sequestrato nella sua abitazione di Sopraponte, poi portato chissà dove. L'auto utilizzata per la fuga è stata recuperata nella frazione di Prandaglio, a Villanuova sul Clisi. Ma di loro ancora nessuna traccia.

Operaio rapito, parla la mamma: "Vivo nell'angoscia, chissà di cosa è capace quell'uomo"

Le ricerche nei boschi sono riprese all'alba, dopo una giornata a dir poco intensa. In tutto il paese (e non solo) sono state viste le gazzelle dei carabinieri, i posti di blocco: fuori dalla caserma, nel primo pomeriggio, c'erano più di 20 militari. Circostanze che non potevano passare inosservate, e che hanno messo in agitazione la cittadina intera.

La cronaca del rapimento

Haida si sarebbe presentato martedì sera all'uscita dell'azienda Saf di Muscoline, che produce stampi, armato di pistola e con la chiara volontà di sequestrare Giacomini. Nascosto tra siepi e cespugli, sarebbe saltato fuori all'improvviso alla fine del turno serale, dopo le 21. Qui si sarebbe accorto dell'assenza di Giacomini, parlando con un collega.

E' qui che scatta la follia. A lui per primo avrebbe puntato la pistola in faccia, costringendolo a salire in macchina e a portarlo a casa di Giacomini. Una volta raggiunta l'abitazione di Sopraponte, Haida avrebbe spintonato e fatto allontanare il collega di lavoro, tenendo con sé l'auto. Infine avrebbe fatto uscire di casa il 45enne, per il rapimento definitivo e la fuga in mezzo ai boschi.

Come detto l'automobile è stata ritrovata a Prandaglio. Ma per tutto il giorno le ricerche si sono concentrate sui luoghi considerati probabili: alla Busela e a Soprazocco, in tutta Gavardo, nei boschi e sulle colline anche tra Vallio Terme e Villanuova. Nulla di fatto, almeno per ora: sono già due notti che Haida tiene con sé l'operaio bresciano. E con il passare delle ore prendono piede anche le ipotesi più macabre.

Il motivo del sequestro

La voce ha cominciato a girare in paese in prima serata, quando dal cielo cominciavano a cadere le prime gocce di pioggia. “Un motivo passionale”, si sente ripetere tra messaggi e telefonate. A quanto pare Haida accuserebbe Giacomini di aver “consumato” rapporti con la sua fidanzata, ragazza anche lei marocchina e che per qualche tempo avrebbe lavorato proprio alla Saf. La versione non è stata ufficialmente confermata dagli inquirenti, ma rimane quella più attendibile. Nuovi sviluppi sono attesi nelle prossime ore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Hai fatto sesso con la mia fidanzata": pistola in pugno, rapisce un operaio e lo porta nei boschi

BresciaToday è in caricamento