Villanuova: trovati l'operaio rapito e il sequestratore

La svolta giovedì sera: erano nascosti nel palazzo di Villanuova dove vive l'ex compagna del 37enne marocchino.

La palazzina dove abita l'ex moglie del sequestratore ©Bresciatoday.it

Mirko Giacomini, il 45enne di Sopraponte di Gavardo sequestrato martedì notte, è stato ritrovato vivo. La svolta nelle  indagini è arrivata giovedì sera: l'operaio e il suo sequestratore, Abdeleouahed Haida, erano nascosti nel sottotetto  del condominio di Villanuova Sul Clisi dove abita la ex compagna del 37enne marocchino. Entrambi sono stati portati in caserma per essere interrogati e per il rapitore sono scattate le manette.

Restano tanti i punti da chiarire, a partire dal movente del rapimento che potrebbe non essere legato alla gelosia del marocchino nei confronti dell'ex che per alcuni mesi aveva lavorato con l'operaio di Gavardo alla Saf di Muscoline. Le ricerche, andate avanti per oltre 48 ore, si erano concentrate nella zona boschiva sopra il santuario di Prandaglio, che si trova proprio a poche centinaia di metri dall'abitazione dell'ex del 37enne straniero.

Non solo. La palazzina dove vive la donna, ex collega di Giacomini, era costantemente presidiata dai militari: proprio temendo che l'uomo potesse bussare anche alla sua porta, i carabinieri sorvegliavano l'accesso del condominio situato in località Castello. Al vaglio degli inquirenti c'è quindi anche il racconto fornito dal collega dell'operaio bresciano che aveva lanciato l'allarme e fatto scattare le indagini.

Anche lui sarebbe stato tenuto in ostaggio per poco tempo dal 37enne nordafricano, che si era presentato martedì sera all'uscita dell'azienda Saf di Muscoline armato di pistola e con la chiara volontà di sequestrare il 45enne Mirko Giacomini. Alla fine del turno serale, dopo le 2, si era accorto dell'assenza dell’uomo, proprio parlando con un collega dell'operaio: lo aveva costretto a salire in macchina e a portarlo a casa di Giacomini. Una volta raggiunta l'abitazione di Gavardo, Haida aveva fatto allontanare il collega del 45enne, tenendo con sé l'auto. Infine aveva fatto uscire di casa Giacomini, per il rapimento definitivo e la fuga che si pensava fosse proseguita in mezzo ai boschi tra Gavardo e Villanuova sul Clisi: dove per oltre 48 ore si sono concentrate le ricerche. Forse Haida e Giacomini non sono mai neanche passati dai sentieri che partono dal santuario di Prandaglio.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Avatar anonimo di Fragranza
    Fragranza

    Mi aggiungo e concordo pienamente con tutti e tre.

  • Termovalorizzatore così recuperiamo energia!!!

  • Ma che gente di M.... L'unica soluzione per il rispetto e la tutela della società civile, é terminare questa feccia inutile.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Ragazzo scomparso, tragico epilogo: trovato morto in mezzo ai boschi

  • Cronaca

    Allarme ambientale dopo il rogo dei rifiuti: vietato raccogliere frutta e verdura

  • Cronaca

    Un volo di 500 metri prima di morire: la terribile tragedia di Claudio

  • Cronaca

    Rapina in casa da incubo: anziana legata, picchiata e minacciata con un coltello

I più letti della settimana

  • La vela si chiude, parapendio precipita a tutta velocità: morto sul colpo

  • Drammatico frontale tra auto, donna muore in un groviglio di lamiere

  • La terra trema nel Bresciano: scossa di terremoto nella notte

  • "Come un terremoto": tremano le case e la scuola, paura a San Bartolomeo

  • Una scomparsa improvvisa: addio a un giovane pizzaiolo

  • Terribile schianto all'alba, 5 feriti e traffico paralizzato: sul posto l'elisoccorso

Torna su
BresciaToday è in caricamento