Paura sul bus: autista circondato e preso a pugni da una banda di ragazzini

È successo giovedì pomeriggio a Gargnano: il gruppetto di giovanissimi pretendeva di viaggiare senza biglietto e avrebbe aggredito il conducente del mezzo Sia

Foto d'archivio

Sono saliti sul bus senza avere biglietto, pretendendo di viaggiare senza pagare la corsa. Al rifiuto dell'autista di farli salire sul mezzo, hanno risposto con diversi insulti e una raffica di pugni. Protagonista dell'enesismo episodio di violenza avvenuto su un mezzo pubblico un gruppetto di ragazzini, alcuni di nemmeno 14 anni.

Il fatto è accaduto giovedì pomeriggio alla fermata di piazzale Boldini, a Gargnano. La scena, avvenuta davanti agli occhi degli altri passeggeri del bus e pure degli avventori dei bar della zona, è stata raccontata su Facebook, suscitando parecchia indignazione e rabbia.

Stando a quanto raccontato proprio da alcuni testimoni, il gruppetto di giovanissimi - 5 minorenni di origine nordafricana - sarebbero saliti sul mezzo della Sia diretto a Salò senza il titolo di viaggio. L'autista li avrebbe quindi invitati a scendere e sarebbe nata un'accesa discussione. Prima gli insulti, poi le botte. Quando il conducente è uscito dalla cabina di guida sarebbe stato circondato e colpito da una raffica di pugni.

Una volta scesi dal bus, i 5 ragazzini sarebbero saliti sul mezzo successivo: ad attenderli c'erano però i carabinieri della compagnia di Salò, che nel frattempo erano stati allertati dall'autista aggredito. I giovanissimi sono tutti stati identificati. Per il conducente del bus, per fortuna, nulla di grave. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, contagiati altri due bresciani: primo caso sospetto in città

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Incidente a Pozzolengo: neonato di Lonato muore in ospedale

  • "Non so come l'ho preso": parla la ginecologa positiva al coronavirus

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • Secondo caso bresciano di Coronavirus: è una ginecologa di 36 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento