Cronaca

Segregato sul balcone, senza cibo né acqua: cagnolino brutalizzato dalla padrona

Il cane, da giorni, era rinchiuso all'interno di un trasportino. A lanciare l'allarme sono stati i vicini di casa

Non mangiava, non beveva e nemmeno si muoveva. Da giorni. Rinchiuso all'interno di un trasportino - la gabbia di plastica usata per portare gli animali domestici in auto - sul balcone di una casa di Gardone Val Trompia. In queste pessime condizioni era costretto un cagnolino, prima dell'intervento della polizia locale.

Salvato, prima che fosse troppo tardi. A dare l'allarme sono infatti stati i vicini di casa: hanno notato il cane segregato in balcone e hanno allertato la polizia locale.

La proprietaria dell'animale, una 22enne moldava, avrebbe spiegato agli agenti che stava traslocando e si trattava di una soluzione provvisoria. Non è così per la locale, che ha avviato tutti gli accertamenti del caso svolti dai veterinari dell'Ats. Le valutazioni avrebbero evidenziato come il cane fosse tenuto in cattive condizioni e non fosse stato sottoposto alle vaccinazioni dal 2017.

Il cane è stato sequestrato ed è stato affidato a un addestratore cinofilo specializzato, in attesa delle decisioni del giudice, mentre per la donna è scattata un denuncia per maltrattamento di animali.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Segregato sul balcone, senza cibo né acqua: cagnolino brutalizzato dalla padrona

BresciaToday è in caricamento