Ubriaco e 'fatto' a 18 anni, picchia suo padre e aggredisce i Carabinieri

Ricoverato in ospedale con un Trattamento Sanitario Obbligatorio un ragazzo di soli 18 anni di Gardone Riviera: completamente ubriaco, aggredisce il padre e i Carabinieri, poi cerca di farsi del male da solo

Attimi di follia indescrivibile in un’abitazione di Gardone Riviera. Dove i Carabinieri della Compagnia di Salò hanno salvato appena in tempo un giovane straniero che ha prima aggredito il padre con cui vive e ha poi cercato di farsi del male con vari atteggiamenti autolesionisti. Classe 1997 e originario della Repubblica Dominicana, ha compiuto 18 anni da poche settimane ma è già un volto noto delle forze dell’ordine.

Ora è stato (nuovamente) denunciato, questa volta per i reati di lesioni aggravate e resistenza a pubblico ufficiale. I militari sono intervenuti a seguito di una segnalazione, nel corso di un servizio perlustrativo tra i Comuni dell’Alto Garda. Sono entrati in casa dopo aver ricevuto la chiamata del padre, che proprio ai Carabinieri raccontava di violenze e atteggiamenti molesti.

Il giovane era infatti palesemente ubriaco, e sotto effetto di sostanze stupefacenti. Tanto ‘fatto’ e tanto ubriaco da non riuscire a rendersi conto dei suoi comportamenti, pronto ad aggredire sia i sanitari del 118 – già chiamati dal padre – che i Carabinieri intervenuti sul posto.

Alla vista dei militari, in particolare, il giovane non ci ha visto più: ha cominciato a gridare in preda ad un incontrollabile stato d’ira, scagliandosi di forza contro gli uomini in divisa, ferendo pure due Carabinieri. Non è stato facile immobilizzarlo, ma una volta bloccato è stato ricoverato ‘di forza’ all’ospedale di Gavardo, sottoposto ad un Trattamento Sanitario Obbligatorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento