Multe annullate agli ‘amici’ carabinieri, a processo tre agenti della Locale

Lo scandalo a Gardone Valtrompia: sono tre i carabinieri e tre gli agenti della locale che andranno a processo il prossimo 24 novembre. Il tema: multe annullate anche ai militari fuori servizio

Foto di repertorio

Tre carabinieri e tre agenti di polizia locale di Gardone Valtrompia andranno a processo tra poco più di un mese: il 24 novembre saranno chiamati a rispondere in merito alle multe cancellate dagli uni agli altri, senza scambio di denaro ma come un semplice “favore tra colleghi”. Un favore che sarebbe appunto però sconfinato nell'illecito, come scrive il Giornale di Brescia.

I tre carabinieri indagati hanno 35, 36 e 40 anni, sono appuntati o carabinieri semplici: a loro i tre agenti di polizia locale (a loro volta indagati: hanno 41, 47 e 50 anni) avrebbero tolto più e più multe per eccesso di velocità semplicemente modificando i verbali.

Quei verbali infatti, anche se i militari non erano di "turno" ed erano a bordo di auto private, sarebbero stati modificati per far risultare, appunto, che fossero invece sempre stati in servizio. E a un carabiniere in servizio, magari nell'ambito di un'operazione in corso, l'eccesso di velocità è consentito: dunque la multa veniva subito annullata. 

La cosa sarebbe andata avanti per un po': è stata un'indagine interna a far emergere le numerose irregolarità. Tutte relative, a quanto pare, a multe elevate per eccesso di velocità nei pressi del rilevatore posizionato all'ingresso del paese. Anche il comandante della polizia locale sarebbe stato citato come testimone, da alcuni indagati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Terribile schianto sulla Statale: Paolo non ce l'ha fatta, è morto in ospedale

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

Torna su
BresciaToday è in caricamento