Cronaca

Affonda una chiatta da 40 tonnellate: rischio catastrofe ambientale

Chiatta affondata a Gardone Riviera e si appoggia (con 40 tonnellate) sulla condotta sublacuale

Foto Francesco Chiaf - Facebook

Una chiatta utilizzata per il trasporto di materiale edile e ormeggiata in una villa privata di Gardone Riviera si è distaccata dai suoi ormeggi e ha cominciato lentamente ad affondare, fino a inabissarsi a una profondità di circa 30 metri. L’incidente si è verificato non lontano dal cantiere dell’ex Casinò di Gardone: il primo a rilevare l’anomalia il fotografo subacqueo Francesco Chiaf.

E’ grazie alla sue fotografie che è stato possibile poi verificare di come la pesante imbarcazione (si dice pesi circa 40 tonnellate, lunga almeno 12 metri) sia andata a cozzare con la condotta sublacuale delle fognature, addirittura trascinando il tubo verso il fondo per una ventina di metri. Non ci sarebbero state rottura, la condotta regge.

Ma intanto è da qui che “scoppia” il caso, che in realtà è un giallo: da una parte i tecnici di Garda Uno, che spiegano di come quella tubatura sia ancora utilizzata per trasportare i reflui fognari da Salò a Toscolano Maderno, e che quindi in caso di rottura (comunque scongiurata) sarebbe un disastro di proporzioni inimmaginabili, non sono per Gardone Riviera ma per tutto il lago di Garda.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Affonda una chiatta da 40 tonnellate: rischio catastrofe ambientale

BresciaToday è in caricamento