Rincari sulle bollette dell'acqua, la rivolta della Valtenesi contro Garda Uno

Un conguaglio anche di 500 giorni e un acconto per i mesi del marzo 2013, da pagare tutti insieme e in meno di una settimana: i residenti della Valtenesi «assaltano» la sede del Consorzio di Padenghe

Garda Uno: la sede di Via Italo Barbieri a Padenghe

La leggenda della vedova di Rivoltella che, abituata a pagare qualche centinaio d’euro all’anno, si ritrova invece una bolletta dell’acqua da 2800 euro prende nuova e concreta forma con il passare del lungo week end gardesano appena trascorso. Tre giorni o forse quattro durante i quali, nelle caselle postali dei residenti in Valtenesi, Moniga e Padenghe in testa, sono state rinvenute le ultime bollette targate Garda Uno: attenti alle date, lettere che arrivano tra il 19 e il 21 aprile e che reclamano una “scadenza pagamento” compresa tra il 26 e il 27.

Già qui il primo inghippo, poi si prosegue. A privati od esercenti il “dettaglio fattura” non sembra lasciare scampo, la prima parte è dedita al conguaglio 2012, comprensivo di un numero variabile di giorni ma che, carte alla mano, raggiunge e supera i 440 in alcuni casi, i 550 in altri. Ad essi si aggiunge il cosiddetto acconto, riferito fino al mese di marzo 2013: a invertire gli addendi il risultato non cambia, ora è il momento di pagare.

La sede di Garda Uno – società di capitali a totale partecipazione pubblica che nello slogan aziendale recita di voler provvedere “alla tutela ecologica del lago di Garda”, e meno male – in Via Italo Barbieri a Padenghe sul Garda è stata letteralmente presa d’assedio, i centralini e i call center si sono ‘infiammati’. Una protesta davvero ‘interclassista’ per cifre giudicate insostenibili. C’è chi parla di “aumenti non segnalati”, altri che lamentano “un conguaglio troppo lungo e senza preavviso”, non possono bastare le “vaghe risposte” che arrivano dagli uffici, sull’autolettura o sui calcoli automatici del central ‘computerone’.

Difficile fare una media precisa, saltano agli occhi alcune cifre pervenuteci, tra decine e decine di segnalazioni. Nuclei familiari di cinque o sei persone, magari anche con giardino, che di punto in bianco si sono visti arrivare bollette in grado di sfiorare (ma anche superare) i 1000 euro complessivi. Riducendo dimensioni del nucleo famiglia, di metrature e di consumi le cose cambiano, ma non in meglio. “Non una bolletta normale ma una bolletta raddoppiata – lamenta proprio una signora di Moniga – e da pagare in sei giorni, con margini di tempo così stretti da non consentire alcun ricorso”. Chi da 80 euro è passato a 160, praticamente il doppio, chi da 200 è arrivato a superare i 300.

Non c’è aria di guerra, ma quasi, e sono in tanti ad aver già posto il problema a varie associazioni di consumatori, come detto, per valutare “eventuali ricorsi prima di pagare”, anche al Giudice di Pace. Altro capitolo, gli albergatori e i commercianti, e anche qui di segnalazioni ne sono arrivate parecchie. Sull’ipotetica linea che da Padenghe arriva fino al ‘fondo’ di Moniga, altri casi emblematici: “Da un anno all’altro sono passato da 800 euro a quasi 1700. Non sono bravo con i calcoli ma mi pare assurdo dover pagare più del doppio”. Gran confusione anche tra chi dovrebbe saperne di più, ancora quegli uffici, con qualche reticenza, qualche suggerimento, “forse è meglio aspettare, magari c’è pure qualche errore”, mentre ‘tecnicamente’ parlando l’idea che traspare è un algoritmo incontrollabile che di calcoli ‘umani’ di certo non ne ha fatti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto, ancora a Moniga del Garda, qualcun altro suggerisce pessimistiche ipotesi: “Per la mia attività dovrei pagare quest’anno più di 2500 euro di acqua e, a quanto dettomi dalla sede, senza nemmeno la possibilità di rateizzare. Questo non è il modo migliore per farci cominciare la stagione. Se hanno intenzione di convincerci a chiudere.. beh, ci stanno riuscendo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ha aperto il nuovo ipermercato: un maxi-store da 5.788 mq (e 120 dipendenti)

  • Alcol a minori, sporcizia ovunque e cibo scaduto: 12.000 euro di multa per un fast food

  • Il figlio non risponde, è a letto privo di sensi: giovane medico in fin di vita

  • Prostituzione fuori controllo, 200 escort attive, clienti anche di giorno

  • "Gentile cliente, il punto vendita chiude": 50 dipendenti scaricati con un cartello

  • Altro caso Covid a scuola, il primo sul Garda: bimbi in quarantena nella Bassa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento