Doppia scossa di terremoto: sul Garda la terra torna a tremare

Due terremoti alle 19.49 e alle 19.52. Epicentro a Tignale e Gargnano, dov'è crollata la canna fumaria di un'abitazione. Centinaia le chiamate ai vigili del fuoco

Terremoto giovedì sera alle 19.49 nel Bresciano. Magnitudo 4.0, la scossa è stata avvertita in diverse parti della provincia, ma l'epicentro è stato localizzato dall'INGV in mezzo al lago di Garda, a 2.6 chilometri di profondità, nella zona di Tignale e Gargnano. Questi invece i comuni più vicini nel Veronese: Brenzone, Costermano, Garda, San Zeno di Montagna e Torri del Benaco.

DOPPIO SISMA SUL GARDA:
LA SPIEGAZIONE DEGLI ESPERTI

Una seconda scossa di assestamento è stata avvertita tre minuti più tardi, magnitudo 2.6 a una profondità di 9.2 chilometri. La "Sala Situazione Italia" del dipartimento della Protezione Civile si è subito messa in contatto con le strutture locali. Secondo gli esperti, tuttavia, non dovrebbero esserci sciami sismici in atto.

Nei comuni rivieraschi la popolazione ha avvertito chiaramente la terra tremare. Centinaia le telefonate ai Vigili del Fuoco. Non risultano danni a cose o persone, eccetto una canna fumaria crollata a Gargnano, nella frazione di Bogliaco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

  • Ubriaco, cerca di fermare le auto in transito: ragazzo travolto e ucciso

  • Positivo al Covid e dimesso: "L'ospedale mi ha detto di tornare a casa in autobus"

Torna su
BresciaToday è in caricamento