Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca

Maresciallo intercetta i colleghi e ne trascrive le parole: a giudizio

I fatti risalgono al 2013, quando il maresciallo era al comando della stazione di Gambara: con un registratore nascosto in un armadio avrebbe intercettato le conversazioni di due colleghi poi trascritte su un foglio. Durante l'ultima udienza, il maresciallo si è difeso negando che quel registratore fosse suo.

Foto di repertorio

GAMBARA - Intercettava i colleghi suoi sottoposti con un registratore nascosto all'interno di un armadio. Per questo è finito nei guai il maresciallo dei Carabinieri Stefano Bartolini: secondo l'accusa, il suo gesto è stato dettato dalla convinzione che i due uomini dell'Arma intercettati stessero tramando qualcosa alle sue spalle. 

Duplice omicidio in Maddalena,

ex poliziotto condannato all'ergastolo

Il maresciallo ha agito da "spia" per l'intero 2013, quando era al coordinamento della stazione dei Carabinieri di Gambara; il militare è stato quindi rinviato a giudizio per interferenza illecita nella vita privata ed è stato trasferito nella zona di Como.

Degli intercettati, i carabinieri Mariano Marchi e Alberto Anello, solo Anello si è costituito parte civile nel processo. Nel corso dell'ultima udienza della Corte d'Assise, Bartolini - con i legali Francesca Scagiolo e Marino Colosio - ha negato che quel registratore fosse suo: ha detto di essersi limitato stampare i fogli della conversazione trascritta che aveva ricevuto in forma anonima.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maresciallo intercetta i colleghi e ne trascrive le parole: a giudizio

BresciaToday è in caricamento