menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I carabinieri fuori dal ristorante - © Bresciatoday.it

I carabinieri fuori dal ristorante - © Bresciatoday.it

Spara al suo ex dipendente per 100 euro, ristoratore condannato a 10 anni

Condannato a 10 anni e 8 mesi, con rito abbreviato, il 58enne Gaetano Fortugno, ex gestore del ristorante Le Muse: nel maggio del 2019 sparò a un suo ex dipendente

E' stato condannato a 10 anni e 8 mesi, con rito abbreviato, il 58enne Gaetano Fortugno, originario di Gioia Tauro, Calabria, ma da tempo sul lago di Garda: i fatti che l'hanno portato in tribunale risalgono alla primavera di un anno fa, quando appena fuori dal locale che all'epoca gestiva – il ristorante Le Muse di Rivoltella, a Desenzano – aveva sparato a un suo ex dipendente, che si era presentato per chiedere gli arretrati (circa 100 euro).

Dopo averlo colpito (e ferito), Fortugno si sarebbe allontanato a piedi per le vie del paese, poi rapidamente intercettato (e arrestato) dai carabinieri. Già noto alle forze dell'ordine, è finito a processo con una vasta gamma di accuse, tra cui il tentato omicidio aggravato dal metodo mafioso.

Condannato per lesioni e minacce

Tale circostanza è stata però smentita in sede di condanna: il tribunale ha infatti derubricato il reato principale, commutandolo in lesioni, riducendo così di quasi 6 anni la pena che era stata richiesta dalla pubblica accusa. Oltre alle lesioni, Fortugno è stato condannato per minacce, detenzione illegale di armi, trasferimento fraudolento di beni ed evasione (si era allontanato di casa quando era ai domiciliari).

La cronaca di quel giorno

L'ormai ex ristoratore è attualmente detenuto nel carcere di Voghera. I fatti, come detto, risalgono a un anno e mezzo fa: era il 21 maggio quando intorno a mezzogiorno Fortugno prese la pistola e sparò al suo ex dipendente, un ragazzo all'epoca 33enne, ferendolo a una gamba. La lite si era scatenata nel retro del locale: tutto questo quando a pochi metri di distanza i clienti stavano tranquillamente pranzando.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Il falso mito dell'acqua e limone da bere (calda) la mattina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento