Colpito da un tronco mentre lavora al tornio: morto padre di famiglia

Aveva 50 anni Gabriel Vasile Popa, sposato e padre di famiglia: è morto alla Arrighini di Cividate Camuno, colpito al petto da un tronco

Gabriel Vasile Popa

Su quanto accaduto ci sono ancora tanti aspetti da chiarire: a cominciare dalla dinamica, per capire come mai quel tronco sia uscito dal suo “canale” fino a colpire mortalmente l'operaio. Ma anche capire il perché i colleghi abbiano deciso di portarlo in ospedale in auto, senza aspettare i soccorsi: forse speravano di far prima, di salvargli la vita. Ma per il 50enne di origini rumene che in quel momento stava lavorando al tornio, non c'è stato niente da fare.

La vittima del tragico incidente

In fabbrica, un'altra tragedia: la vittima è l'operaio Gabriel Vasile Popa, dipendente dell'azienda Arrighini di Cividate Camuno. Stava proprio lavorando al capannone di Via Borgo Olcese, nella zona industriale del paese, quando improvvisamente sarebbe stato colpito in pieno da un tronco, pesantissimo, che l'avrebbe schiacciato sul petto sbalzandolo all'indietro.

Sotto shock i colleghi, che hanno subito allertato il 112: ma non avrebbero aspettato l'ambulanza, perché il 50enne sarebbe stato caricato in auto e portato in ospedale. Anche su questa circostanza sono in corso gli accertamenti dei carabinieri, chiamati a effettuare i rilievi insieme ai tecnici del Servizio di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro dell'Ats Brescia.

Fabbrica e macchinari sotto sequestro

Come da prassi, il capannone dove si è consumata la tragedia è stato posto sotto sequestro, così come il macchinario a cui Popa stava lavorando. La salma attualmente riposa all'ospedale di Esine, a disposizione dell'autorità giudiziaria: non si esclude che nelle prossime ore il magistrato possa disporre l'autopsia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vasile Popa abitava proprio a Esine, e ormai da più di una dozzina d'anni. Oltre alla moglie lo piange anche il figlio appena 22enne, studente di ingegneria a Brescia. Gli amici e i colleghi lo ricordano come una persona buona, sempre disponibile, un gran lavoratore. In questo momento non resta altro che il silenzio, quello di una famiglia distrutta dal dolore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: primo bambino positivo in una scuola bresciana, classe in isolamento

  • Masturbava ragazzini al parco, in cambio gli comprava scarpe e spinelli

  • Incidente in A4 tra Desenzano e Brescia: chilometri di code

  • Precipita per oltre 8 metri: muore sotto gli occhi dei nipotini di 6 e 8 anni

  • Un uomo e un ragazzo fanno sesso sul ciglio della strada: multa da 20.000 euro

  • Malore in casa, Vigile del Fuoco muore tra le braccia della moglie

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento