In un recinto trovati 18 cani da caccia rubati: denunciato commerciante

Il titolare di un negozio di caccia e pesca di Lumezzane è finito nei guai in seguito alla scoperta di un recinto dove teneva ben diciotto cani da caccia rubati ai legittimi proprietari.

Inizialmente i carabinieri di Lumezzane pensavano di trovarsi di fronte a un caso di maltrattamento di animali, ma ben presto si è capito che c’era qualcosa di più. Il titolare 50enne di un negozio di caccia e pesca del comune valtrimplino è stato denunciato a piede libero in merito all’indagine che ha portato al ritrovamento di diciotto preziosi cani da caccia rubati. 

Tutto è partito dalla segnalazione, fatta ai carabinieri, di un cittadino che nell’abitazione del 50enne ha visto un recinto dove erano stipati i diciotto esemplari di cani da caccia, setter e pointer. Il sopralluogo degli agenti ha avuto luogo nella giornata di martedì, dopodiché i cani sono stati trasferiti in un canile nella bergamasca, dove si è scoperto - grazie ai microchip sottopelle - che si trattava di esemplari appartenenti a diversi cacciatori, alcuni dei quali ne avevano denunciato la scomparsa nei mesi scorsi. 

Stando alle prime ipotesi dei militari - la notizia è riportata stamane sulle colonne di Bresciaoggi - il sospetto è che il 50enne possa avere sfruttato il suo negozio per cercare di vendere i cani rubati da altri, che sia insomma accusabile di ricettatzione. In passato l’uomo ha già avuto problemi con la giustizia, in particolare riguardo al traffico illecito di avifauna protetta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento