Orzinuovi: auto come ariete, rapinata la concessionaria Bossoni

Ladri in azione nella notte: entrano a piedi, escono in macchina dalla concessionaria Bossoni di Orzinuovi. Per sfondare il cancello utilizzano un SUV come ariete, poi scappano a bordo di due vetture

Tre automobili coperte da un telone, e pronte alla consegna. Il bottino di una notte di follia alla concessionaria Bossoni di Orzinuovi, ‘vittima’ di un assalto in piena regola e che ha coinvolto tre malviventi, sulle cui tracce ora ci sono i Carabinieri.

Hanno parcheggiato la loro auto a qualche decina di metri dal cancello di ingresso, per evitare le telecamere. Si sono avvicinati a piedi, hanno scavalcato la prima recinzione: hanno raggiunto la vetrata secondaria, hanno sfondato la basculante del grosso garage con un vaso di fiori.

Qui hanno puntato le tre vetture: un’Alfa Romeo Giulietta, una Toyota RAV 4, una Kia Cee’d che verrà poi utilizzata come ariete, per sfondare la cancellata. Il cancello viene giù, e la macchina viene abbandonata: i tre si dileguano, a bordo di due vetture.

Suona l’allarme, sul posto i militari, la sorveglianza, il titolare della concessionaria. Qualche ora più tardi i Carabinieri riescono a recuperare la Toyota: intravedono i rapinatori in una stazione di benzina, li inseguono finché questi non mollano la presa, e scappano a piedi.

Le indagini proseguono: potranno essere decisive le immagini dell’impianto di videosorveglianza. I banditi avrebbero agito a volto scoperto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

Torna su
BresciaToday è in caricamento