Auto rubate e smontate pezzo dopo pezzo: prime condanne per la banda bresciana

Condanna di 2 anni per Massimiliano Rocca e Roman Candiba: a breve a processo anche Oscar Bonomelli, Angelo Cancarini e Alessandra Baldo

Foto d'archivio

Arrivano le prime condanne per la banda bresciana che avrebbe cannibalizzato decine di auto, in provincia e non solo: secondo l'accusa, e soltanto nel 2016, i componenti del sodalizio criminale avrebbero rubato e poi smontato pezzo dopo pezzo ben 36 autovetture. In particolare Fiat 500, ma anche veicoli di marca Bmw, Citroen e Mercedes.

Lo scrive Bresciaoggi: con rito abbreviato è stato condannato a 2 anni di carcere il 45enne Massimiliano Rocca, definito “il cannibale delle autovetture”, e con lui il complice Roman Candiba, 41enne di origini moldave ma residente in Valtrompia, anche lui condannato a 2 anni di reclusione.

Gli altri imputati

Ma il processo è soltanto agli inizi: presto finiranno sul banco degli imputati anche il 47enne Oscar Bonomelli e il 52enne Angelo Cancarini, oltre che all'unica donna del gruppo, la 40enne Alessandra Baldo.

Bonomelli tra l'altro è stato già condannato a 2 anni e 8 mesi di reclusione in un altro procedimento relativo al furto di auto poi successivamente “cannibalizzate”: in quel processo era imputato anche Massimiliano Rocca, condannato a sua volta a 2 anni di carcere (che si sommano ai 2 anni del processo in corso). 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Devi far sesso con me, ma voglio i soldi": si rifiuta, lei lo butta giù dalla finestra

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • Emergenza coronavirus: scuole chiuse in tutta la Lombardia

  • Coronavirus, Lombardia 'blindata": scuole chiuse, bar e locali off limits dalle 18

  • Coronavirus in Lombardia: 100 persone a rischio, 70 vanno in quarantena

Torna su
BresciaToday è in caricamento