Bordelli aperti 24 ore su 24, prostitute giovanissime: incassi da milioni di euro

L'indagine "Freccia Gialla" sullo sfruttamento della prostituzione si chiude, per ora, con 6 ordinanze di custodia cautelare: due arrestati anche nel Bresciano, a Desenzano e Ospitaletto

Foto d'archivio

Brescia, Desenzano e Ospitaletto: e poi Venezia, Milano, Bergamo e alte città ancora. Erano queste le location del giro di prostituzione cinese smascherato dai carabinieri di Mestre: l'indagine, denominata “Freccia Gialla”, si è conclusa con 6 ordinanze di custodia cautelare e 2 arresti anche bresciani. Freccia Gialla: chiamata così perché i soldi guadagnati con lo sfruttamento di ragazze ancora giovanissime venivano trasferiti da un paese all'altro a bordo dei treni ad alta velocità, in tutto il Nord Italia.

Un giro d'affari milionario. Gli inquirenti sarebbero risaliti ad almeno una ventina di “case chiuse” e in diverse Regioni italiane: la media degli incassi era di 5000 euro al giorno, per ogni casino, e quindi 150mila euro al mese. A pieno regime si parla di un fatturato complessivo di 3 milioni di euro ogni 30 giorni, quasi 36 milioni l'anno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Ragazza di 16 anni in ospedale: "E' lo stesso Meningococco di Veronica"

  • Tragedia avvolta nel mistero: cadavere trovato in autostrada, lungo la corsia di sorpasso

  • Un paese fantasma: chiude l'ultimo negozio, a rischio anche l'unico bar

  • Dramma in una cascina: trovato morto uomo di 56 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento