Cronaca

Morte di Francesca, una casa 'maledetta': teatro di un omicidio 11 anni fa

Nel 2009 venne assassinato il 33enne tunisino Makram Ben Didane. Anche allora ci fu la droga al centro della tragedia

Era già stata teatro di un tragico evento, l'appartamento affacciato su una corte di via Fornaci a Brescia dove - nella notte tra sabato e domenica - ha trovato la morte la giovane 24enne Francesca Manfredi, a causa di un mix letale di stupefacenti.

Nel 2009, la notte di Natale, il 33enne tunisino Makram Ben Didane venne ucciso con un coltello da un suo connazionale e coinquilino. Anche in quel caso fu la droga a causare il decesso: al centro della lite c'era infatti questioni legati allo spaccio e il killer si trovava sotto effetto di alcol e stupefacenti. Durante la perquisizione della casa, gli uomini della Questura trovarono anche 30 grammi di eroina.

L'assassino - un ragazzo di 30 anni, Faouzi Yazidi - fu processato con rito abbreviato e condannati a 16 anni di carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morte di Francesca, una casa 'maledetta': teatro di un omicidio 11 anni fa

BresciaToday è in caricamento