Cronaca Flero

Orrore in famiglia: botte al padre per comprare la droga, 50.000 euro in 10 anni

Arrestato dai carabinieri dopo l'ennesimo raptus di follia, mentre cercava di distruggergli l'auto

Copyright © Bresciatoday.it

Il padre è rimasto in balia del figlio tossicodipendente per anni, forse mosso da un incontrollabile istinto di compassione: ha incassato, parole e forse anche botte, nel tempo (in tutto circa un decennio di angherie) gli avrebbe consegnato addirittura 50mila euro. Ma negli ultimi mesi non ce l'ha fatta più: ha denunciato il figlio più volte, fino a farlo arrestare.

Storie di ordinaria follia nella provincia bresciana. In manette ci è finito B.M., operaio di 39 anni residente a Mairano e figlio di un pensionato di 67 anni che abita invece il Flero. L'operaio è stato arrestato dai carabinieri della stazione di Bagnolo Mella con l'accusa di atti persecutori e stalking.

La vicenda sarebbe proseguita per anni: tutti i giorni o quasi il figlio si presentava a casa del padre per chiedergli i soldi per la droga, a “colpi” che andavano dai 40 agli 80 euro. Richiesta tutt'altro che gentili, sempre associate a molestie verbali (e fisiche) e a minacce telefoniche.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Orrore in famiglia: botte al padre per comprare la droga, 50.000 euro in 10 anni

BresciaToday è in caricamento