Sequestrati 47 milioni di euro a ditte cinesi: due nel bresciano

Anche Brescia risulta essere tra le città coinvolte nella maxi-inchiesta sul trasferimento illecito di denaro dall'Italia verso la Cina della procura di Firenze

Sono oltre cento le perquisizioni eseguite questa mattina dai finanzieri dei comandi provinciali di Firenze e Roma nei riguardi di imprese cinesi, disposte dal gip di Firenze Michele Barillaro, su richiesta del pm della Dda Pietro Suchan, nell'ambito di indagini sul trasferimento illecito di denaro dall'Italia verso la Cina.

Denunciati 155 titolari di imprese cinesi e 58 prestanome. Sequestrati beni per oltre 47 milioni di euro. Le perquisizioni, eseguite col supporto del Servizio centrale investigazioni criminalità organizzata e del Nucleo speciale di polizia valutaria, sono 111: tra queste 55 a Roma, 25 a Firenze, 21 a Prato, due ad Arezzo, due a Brescia, una a Livorno, una a Foggia, una a Verona, una a Mantova, una a Reggio Emilia e una a Bergamo.

- Fisco: nei primi 5 mesi dell'anno evasi nel Bresciano 286 milioni di euro

I sequestri di beni, eseguiti fino a copertura del valore di 47.567.000 euro, hanno riguardato 52 imprese cinesi (21 a Roma, 18 a Prato, 11 a Firenze, una a Brescia e una a Livorno), 22 appartamenti e quattro immobili commerciali (14 a Prato, 8 a Roma, 3 a Bologna e uno ad Arezzo); 103 autovetture e 183 conti correnti bancari.

(fonte: Ansa)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Manifestazione Io Apro: il 15 gennaio ristoranti aperti contro la nuova stretta

  • Ragazzino in ospedale col femore rotto: «È stato il padre di un mio coetaneo»

  • Cerca di stuprarla nei campi, lei lo morde alla lingua e riesce a scappare

  • Orrore in famiglia: guarda video porno e fa sesso con la sorellina di 14 anni

  • Iveco parlerà cinese? Offerta miliardaria per lo storico marchio, Brescia trema

  • Una tragedia immensa: il piccolo Alberto ucciso da un tumore a soli 5 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento