Fatture false per 7,6 milioni di euro: denunciato 52enne di Casto

Gli uomini della Guardia di Finanza di Salò hanno denunciato un 52enne di Casto, con l'accusa di aver emesso fatture false per oltre 7,6 milioni di euro e di aver occultato o distrutto scritture contabili. 

Stando alle prime informazioni trapelate, la denuncia sarebbe scattata al termine di un’operazione iniziata da una verifica fiscale nei confronti di una ditta di Vestone. Formalmente l’azienda operava nel settore della meccanica industriale, ma, in realtà, non faceva altro che commercializzare rottami ferrosi in un regime di totale evasione fiscale. 

La ditta risultava gestire un enorme volume di rottame, di fatto era persino priva di una struttura per svolgere l’attività: niente veicoli, attrezzature e nemmeno un capannone. Una cosiddetta società “cartiera”, senza un briciolo di copertura per salvare almeno le apparenze, che ha registrato operazioni inesistenti per oltre 7.600.000 euro, fornendo fatture false a diverse società con lo scopo di abbattere la base imponibile. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si accascia a terra in casa, giovane mamma uccisa da un improvviso malore

  • Investita mentre attraversa la tangenziale di notte: morta ragazza di 22 anni

  • Ucciso dal cancro: fino all'ultimo Luca ha voluto gli amati cani al suo fianco

  • Donna trovata morta nel canale: potrebbe essere stata uccisa

  • Parcheggia l'auto, poi cammina in mezzo all'autostrada: ucciso da un tir

  • Uccisa e fatta a pezzi dal marito: "Conosceva il suo tragico destino"

Torna su
BresciaToday è in caricamento