Domenica, 25 Luglio 2021
Cronaca Buffalora / Via Serenissima

Festa Radio: una seconda settimana di successo

La Festa continua e gli ottimi risultati anche. Grandi live quasi tutte le sere, dai Verdena a Caparezza, e poi il grande anzi grandissimo finale con Daniele Silvestri, Marlene Kuntz e Modena City Ramblers. Fino al 27 di agosto

Foto © mr_n - Tutti i diritti riservati

Se più di diecimila persone vi sembrano poche. La Festa di Radio Onda d’Urto conferma i grandi numeri della prima settimana con una vera escalation di presenze: se con i Subsonica il pienone era una certezza il live di Caparezza ha superato tutte le aspettative, con l’area feste di Via Serenissima imballata come non mai, un altro risultato straordinario per una Festa che ogni anno cresce non solo nei numeri. Il Sogno Eretico di Caparezza, lo spettacolo di Alessandra Magrini alias AttriceContro, gli scatenati Suicidal Tendencies, i Verdena, le Luci della Centrale Elettrica, i Ministri e (questa sera) Nada, un antipasto all’attesissimo show di Daniele Silvestri nel suo SCOTCH Tour 2011, fino ai Marlene Kuntz e ai Modena City Ramblers che chiuderanno le tre settimane con il loro folk vivace ed impetuoso.

Qualcuno ancora ne parla male di questa Festa ma credo che ormai siano rimasti in pochissimi. Il Corriere della Sera (edizione Lombardia) dedica a Festa Radio quasi una pagina al giorno, le riviste specializzate hanno quasi osannato la line up dei concerti, tanto che Blow Up ha dedicato all’evento uno speciale inserto di ben otto pagine. Un risultato che neanche i grandi e pubblicizzati eventi milanesi hanno mai ottenuto. Questo è il risultato di 20 anni di lavoro costante, nonostante le critiche e anche qualcosa in più, nonostante gli anni della ‘militarizzazione’ e nonostante le norme sempre più fitte che caratterizzano però ormai tutta la scena italiana e del Nord Italia.

Festa Radio va in controtendenza, e quando tutti i grandi eventi registrano un calo evidente delle presenze, in Via Serenissima ogni anno si migliora. “Penso che questo sia il risultato di quella che abbiamo definito la formula anti crisi – commenta Umberto Gobbi dell’Associazione Diritti Per Tutti – ovvero offrire tanto sul piano dello spettacolo, della musica, dei concerti, delle iniziative, degli stand, gastronomici e non solo, a prezzi calmierati”.

Una formula che evidentemente funziona, e anche molto bene. Si mangia e si spende poco, si può assistere a concerti che di solito hanno prezzi a dir poco proibitivi con poco più di dieci euro. “Questa è la formula anticrisi – conclude Gobbi – il segreto è questo. Presentare, offrire, proporre.. per soddisfare tutte le diverse esigenze di aggregazione e di socialità, con prezzi contenuti. Sia per quanto riguarda i generi alimentari sia per quanto riguarda i prezzi dei concerti”.

 

Si ringrazia mr_n per le fotografie. www.flickr.com/photos/mr_n_photographer/

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa Radio: una seconda settimana di successo

BresciaToday è in caricamento