Paga 217mila euro per una Ferrari ‘fantasma’: denunciato il concessionario

Il titolare e tre dipendenti dell'Autonord di Negrar (VR) dovranno difendersi in tribunale dall'accusa di truffa aggravata ai danni di un cittadino americano di casa a Brescia

Ferrari F438 Italia (fonte: Wikipedia)

Nel 2010 pagò 217mila euro per una Ferrari F438 Italia, ma il concessionario non gliel'ha mai consegnata e ora la vicenda è finita davanti al giudice. 

Il giornale L'Arena racconta l'episodio che ha visto come protagonisti un americano residente a Brescia e l'Autonord di Negrar. Era agosto quando il rappresentante della "Estamotorsports" ha notato la Ferrari sul sito della concessionaria, decidendo quindi di acquistarla al temine della trattativa. 50mila euro sarebbero stati versati subito dal cliente, che nel mese di settembre avrebbe poi firmato il contratto e saldato l'intero conto.

Da lì inizia l'eterna attesa dell'auto. "E' in un magazzino in Germania", gli dicono dalla concessionaria. "Ogni volta le scuse erano diverse. E il titolare cercava di evitarmi in tutti i modi", avrebbe detto il compratore a L'Arena. Poi infine è giunta la notizia: "L'acquisto è impossibile per gravi problemi gestionali interni all'Autonord".

Parte quindi la denuncia e il sequestro del parco auto societario, peccato però che - qualche mese dopo - sarebbe venuto a galla che alcuni veicoli erano spariti. Il titolare e tre dipendenti, di cui due sono suoi figli, dovranno ora rispondere di truffa aggravata, mentre uno degli ultimi due dovrà anche difendersi dall'accusa di "soppressione di beni in sequestro". 

Fonte: Veronasera.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento