rotate-mobile
Cronaca

Medico amato e stimato, è morto Federico Buffoli: era malato di Sla

La salma riposa alla Poliambulanza di Brescia

Era tornato nella sua città, Brescia, per potersi curare: e nella sua città è morto al termine di una battaglia con la Sla (sclerosi laterale amiotrofica) proseguita per ben 7 anni. È morto Federico Buffoli, 67 anni compiuti a febbraio: medico stimato e apprezzato, fino al 2021 è stato primario di Endoscopia e Gastroenterologia dell'Asst di Cremona, negli ospedali Maggiore di Cremona e Oglio Po di Vicomoscano. Ha lavorato finché ha potuto, finché la malattia purtroppo non ha avuto la meglio.

Chi era Federico Buffoli

La salma riposa nella camera mortuaria della Poliambulanza di Brescia, dove lunedì alle 16.30 verrà dato l'ultimo saluto. Ne danno il triste annuncio la moglie Laura, i figli Michele con Cristina e la piccola Caterina, Andrea con Mariapaola. La famiglia ringrazia la dottoressa Grazia Rinaldis e l'equipe delle Cure Palliative degli Spedali Civili di Brescia, ma anche "gli amici che l'hanno supportato e accompagnato in questo percorso".

Classe 1956, dopo il diploma al liceo scientifico Federico Buffoli si era laureato in Medicina e Chirurgia all'Università di Milano, fino ad ottenere le specializzazioni in Chirurgia dell'apparato digerente (nel 1986) e in Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva (nel 1991). La sua carriera è cominciata all'ospedale Sant'Orsola di Brescia, proseguita poi alla Poliambulanza (dal 1997 al 2008) e poi agli ospedali di Cremona, dal 2007 al 2021.

Il ricordo dell'ospedale

Così lo ricorda l'Asst di Cremona in una nota: "Federico Buffoli è un medico e una persona di quelle che non si dimenticano. Entusiasta, innamorato del suo lavoro e dei pazienti, capace, innovatore e intelligente. È stato il direttore della Gastroenterologia e Endoscopia digestiva dell'Asst e, senza timore di essere smentiti, possiamo dire che grazie alla sua energia e lungimiranza questa specialità è diventata un punto di forza degli ospedale di Cremona e Oglio Po e un riferimento per il territorio. Endoscopista riconosciuto a livello nazionale, negli anni ha saputo costruire una equipe affiatata e competente, oggi diretta con esiti eccellenti da Roberto Grassia, da sempre suo collaboratore. Anche se non ha avuto il tempo che desiderava, Federico Buffoli è riuscito comunque nell'impresa: la sua eredità professionale e umana è qui, solida e inestirpabile, a disposizione di chi lo ha conosciuto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Medico amato e stimato, è morto Federico Buffoli: era malato di Sla

BresciaToday è in caricamento