Cronaca

Famiglia sfrattata a Mazzano, bambino disabile costretto a vivere in macchina

La denuncia dell'associazione Diritti per Tutti: "Latitanza e disinteresse del Comune". Il padre ha perso il lavoro nel 2010 e da qualche mese è senza reddito: "Altra vittima della morosità incolpevole"

Un'altra incredibile storia di povertà e di indifferenza delle istituzioni: a Mazzano una famiglia sfrattata con due bambini di 6 e 2 anni, il primo con invalidità totale, è costretta a dormire sul furgone “a causa della latitanza e del disinteresse del Comune”, spiegano dall’associazione Diritti per Tutti.

Il padre, muratore, ha perso il lavoro nel 2010 e dopo otto mesi di indennità di disoccupazione è rimasto senza reddito, diventando vittima della morosità incolpevole.

Nel pomeriggio gli attivisti del Comitato provinciale contro gli Sfratti si troveranno di fronte al Comune “per denunciare pubblicamente questa vera e propria illegalità istituzionale”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Famiglia sfrattata a Mazzano, bambino disabile costretto a vivere in macchina

BresciaToday è in caricamento